Benessere

Allattamento: dieta e falsi miti


Quando si sta allattando, si può mangiare ciò che più si desidera, tuttavia è bene mantenere una dieta equilibrata e sana. La comune credena che si debbano evitare spezie e cibi piccanti, per paura che possano alterare il sapore del latte è infondata. Infatti, se fanno parte della dieta della madre, il bambino ha già imparato a conoscerli deglutendo il liquido amniotico durante la gravidanza.

In ogni caso, è comunque bene evitare alcolici e superalcolici, non fumare e stare attenti ad alimenti che potrebbero causare infezioni, come il pesce crudo, spiegano gli esperti del Punto Nascita di Humanitas San Pio X, riporta humanitas.it. Un altro falso mito è legato all’esistenza di cibi in grado di aumentare la produzione di latte: non è così. Tuttavia, è molto importante che le mamme bevano almeno due litri di acqua (o liquidi al giorno) per fornire alla ghiandola mammaria il nutriente fondamentale e la materia prima con cui produrre il latte materno.

Se la madre non si sente particolarmente bene, allattare può essere sfiancante e faticoso. Ciò non significa che, attraverso il latte, si possa “contagiare” il bambino. Sebbene siano pochi i farmaci incompatibili con l’allattamento, prima di assumerne qualcuno è sempre meglio consultare uno specialista.

Altri consigli riguardano

l’igiene in allattamento e la perdita di peso dopo il parto. Sull’areola del seno, la parte di pelle più scura che circonda il capezzolo, si trovano le ghiandole di Montgomery. Queste provvedono già da sole a una naturale pulizia dell’areola, grazie alla produzione di sostanze grasse che idratano la pelle e la proteggono, limitando anche la formazione di batteri. È sufficiente dunque lavare il seno con acqua, evitando l’uso di prodotti che possano alterare l’odore naturale capace di condurre il bambino al seno. Non c’è alcun obbligo di utilizzare, quindi, saponi o disinfettanti specifici. Infine, il latte materno è molto nutriente e la sua produzione richiede alle ghiandole mammarie un grosso impegno, con un conseguente aumento del dispendio di energia. Questo può aiutare una fisiologica e graduale perdita di peso dopo il parto.
Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

2 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

2 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

2 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

3 ore ago

Ministero della Salute: Equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi

In merito all’accettazione di certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi identificati dall’ordinanza…

8 ore ago

Nursing up. Rinnovo contratto infermieri: riconoscere il posto che meritano

Sanità, Infermieri Nursing Up De Palma: «Vogliamo finalmente un alveo di contrattazione per le elevate…

9 ore ago