Infermieri

Nursing Up (De Palma): «La storia di Giovanni Formiconi, l’infermiere Covid imprigionato in un girone dantesco.

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa odierno Nursing Up.

Il Presidente del Sindacato Infermieri Italiani commenta la vicenda del giovane infermiere marchigiano, che si è ammalato di coronavirus per prestare servizio sul campo, come un buon soldato.

Advertisements

«Oggi è un “debolmente positivo”, nel suo corpo continuano a esserci tracce del virus. La Lombardia, dove ha lavorato durante l’emergenza, vorrebbe rispondere favorevolmente alla sua richieste di tornare a casa sua, dalla sua famiglia nelle Marche, dopo tanto tempo di assenza. La sua regione di origine, invece, lo rifiuta. Oltre tutto Giovanni, che ha combattuto senza paura contro la pandemia, è un precario, uno dei tanti precari italiani: da due mesi quindi, non lavorando, non percepisce stipendio.

Come potrebbe mantenersi a Milano? Anche per questo vuole tornare a casa dai suoi familiari. Ma è finito, suo malgrado, come in un “girone dantesco”. Da cui ha paura di non poter più uscire.
Chiediamo allo Stato di intervenire per risolvere dignitosamente, e caso per caso, le vicende di quei colleghi che portano ancora addosso i segni della battaglia. Vanno tutelati non trattati come appestati. Hanno combattuto per noi tutti».

ROMA – Antonio De Palma, Presidente del Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, interviene sullo scabroso caso del giovane infermiere marchigiano, attualmente bloccato in isolamento e senza stipendio in Lombardia, Giovanni Formiconi. 24 anni appena, subito dopo la laurea, è stato lanciato allo sbaraglio nella battaglia contro il Covid. Ha lottato, ha combattuto in trincea per la salute degli italiani. Giovanni è uno di quelli che si è ammalato per difenderci dal “Mostro”. Ma oggi lo Stato e le Regioni lo hanno abbandonato a se stesso.

La sua storia è stata di recente riportata dal Corriere della Sera in un commovente articolo.

«Mi vergogno di appartenere a questa Italia quando leggo questo vicende, esordisce De Palma. Questo ragazzo, neo dottore in Infermieristica, subito dopo il conseguimento della sua Laurea non si è tirato indietro, per settimane è stato in prima linea contro la pandemia. Oggi non è più considerato, né un uomo, né un infermiere, e questo dovrebbe farci gridare allo scandalo, tutti, indistintamente. Le Marche, sua Regione di origine, lo “rifiutano” come fosse un appestato. Per la Lombardia, laddove ha prestato servizio come “eroe”, rischiando e cambiando letteralmente la sua vita, può tranquillamente fare ritorno a casa per concludere il suo percorso accanto ai suoi familiari.

Beffa delle beffe, Giovanni si

è ammalato per difendere i cittadini italiani: ma non ha mai avuto nemmeno un regolare contratto di assunzione.
E poi ci chiedete perché noi infermieri siamo inviperiti come non mai, continua De Palma, e perchè non abbiamo nessuna intenzione di seppellire l’ascia di guerra?

Ma una soluzione esiste? Intanto ci si accerti se Giovanni è ancora realmente contagioso. E se lo fosse davvero, venga sostenuto finché non guarisce del tutto: ha combattuto per la salute degli italiani come tanti di noi, non si merita di essere trattato come un “appestato”. Si tuteli la sua figura professionale, lo si collochi in una situazione dignitosa finché questa situazione perdura. E se si dovesse accertare che è idoneo al lavoro, non lo si tenga ancora in isolamento. In questa situazione, in “questa terra di mezzo”, un uomo, un infermiere, così come nessun soggetto al mondo, merita di “sostare”.

La Sanità Lombarda vuole dargli il via libera per tornarsene a casa, rispettando le norme di sicurezza, dice ancora De Palma, vicino ai suo familiari, concludere con dignità il decorso della sua malattia e riprendere la vita di prima. La Regione Marche lo “rifiuta” come un figlio di nessuno.

Oltre tutto Giovanni, che ha combattuto senza paura contro la pandemia, è un precario, uno dei tanti precari italiani: da due mesi quindi, non lavorando, non percepisce stipendio. Come potrebbe mantenersi a Milano? Anche per questo vuole tornare a casa dai suoi familiari. Ma è finito, suo malgrado, come in un “girone dantesco”. Da cui ha paura di non poter più uscire.

Mi domando, dove sono i responsabili del nostro dicastero, Speranza e Sileri, di fronte a questi casi: è qui che abbiamo bisogno di loro, della loro autorità, della loro competenza, del loro intervento, per distruggere un immobilismo che ci sta condannando senza appello. La politica torni a essere lo strumento più idoneo per sostenere i cittadini e i lavoratori, non un triste gioco di poltrone e di chiacchiere senza senso.

Confermo la mia indignazione, e come Presidente di un Sindacato Nazionale di Infermieri, chiedo l’intervento immediato del Ministro della Salute Roberto Speranza».

La Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021