? Speciale CoronaVirus ?

New York, linea dura contro i sanitari no vax: licenziamento e niente sussidio di disoccupazione

Medici e infermieri della Grande Mela che non si sono vaccinati con almeno una dose entro il 27 settembre rischiano il posto.

I medici e gli infermieri di New York che non hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid entro il 27 settembre perderanno il posto di lavoro e non potranno fare domanda per ricevere i sussidi di disoccupazione. Sono decine di migliaia i professionisti che rischiano il licenziamento per non aver aderito all’obbligo di immunizzarsi. Abbastanza da generare il rischio di una grave carenza di personale, se non fosse che esiste pure un piano ad hoc per far fronte a questa eventualità. La governatrice Kathrine Hochul è infatti pronta a dichiarare lo stato di emergenza, in modo da consentire ai militari della Guardia Nazionale di sostituire gli operatori assenti.

La Grande Mela opta dunque per la linea dura nei confronti dei sanitari no vax, e potrebbe fare da apripista, incoraggiando molti Stati a seguire tale percorso. Anche quelli che finora hanno seguito un linea soft, come California, New Jersey, Pennsylvania, Maryland e l’Illinois, che continuano a offrire test frequenti per chi non vuole vaccinarsi. La Casa Bianca segue con attenzione la strategia newyorkese, sperando che possa imprimere una nuova spinta a una campagna vaccinale che, dopo lo slancio iniziale, ha subito un drastico calo, accompagnato da una nuova impennata dei contagi.

L’aumento dei casi rappresenta una problema per Joe Biden, la cui battaglia contro il Covid-19 si è già scontrata con la bocciatura della terza dose di vaccino a tutti gli americani da parte di Fda

e Cdc. Il booster è stato approvato solo per i fragili e gli over 65, categoria nella quale rientra lo stesso presidente, che per convincere gli irrducibili si è fatto iniettare il siero davanti alle telecamere. “Il booster è sicuro ed efficace – ha detto –. Vaccinatevi, così salvate la vostra e altre vite”.

Il giro di vite newyorkese nei confronti dei no vax è un esame anche a livello legale, considerato che la giustizia ha fatto slittare l’obbligo vaccinale per gli insegnanti delle scuole pubbliche in attesa del pronunciamento della Corte d’Appello del Secondo Circuito. Il ritardo, però, non spaventa il sindaco Bill de Blasio“Prevarremo in tribunale. Il 90% degli insegnanti sono già vaccinati”, ha detto, lasciando trasparire la volonta di obbligare a immunizzarsi anche il restante 10%.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Infermiera di rianimazione NoVax si unisce alla protesta dei camionisti. Sospesa dopo le dichiarazioni virali sul web

TRIESTE - Ha visto morire le persone. Da sempre, in carriera, ma ogni giorno, più…

17/10/2021

Sindrome premestruale: la dieta per alleviare i sintomi

Rilanciamo un approfondimento dell'Humanitas salute su un tema estremamente comune nelle donne: la sindrome premestruale…

16/10/2021

Villa S. Marco: l’infermiera più anziana sostituisce il vigilante nei weekend e controlla i green pass

Una nuova frontiera del più becero demansionamento infermieristico è stata varcata dai dirigenti della casa…

16/10/2021

Il bilancio della FNOPI è sempre più florido. Nonostante ciò, la quota annuale potrà aumentare di € 10 ad infermiere

La Presidente della FNOPI durante i lavori dell’ultimo Consiglio Nazionale ha paventato la presentazione del…

16/10/2021

“Io Resto” unico film documentario girato all’interno di un ospedale italiano durante la 1^ ondata da Covid-19

Il film prodotto da Michele Aiello, Luca Gennari e Zalab Film ha fatto anteprima mondiale…

16/10/2021

Alto Adige: nascono le scuole clandestine per i bambini con genitori NoVax

Risalendo la valle si arriva a Campo Tures. Qui la scuola che non c’è è in…

16/10/2021