Infermieri

MNI scrive a Draghi, a Speranza, a Figliuolo, alle Regioni: “Abolire definitivamente il vincolo di esclusività e stipendi europei”

Continuano le rivendicazioni degli infermieri, gli “eroi” dell’emergenza Covid-19: la stipula di un contratto esclusivo per la loro professione, il riconoscimento delle competenze specialistiche e la valorizzazione dei percorsi di studio di laurea e post laurea, stipendi in linea con le medie europee, sono le richieste avanzate dal Mni Movimento Nazionale Infermieri in una lettera formale indirizzata al Presidente del Consiglio Mario Draghi, al Ministro della Salute Roberto Speranza, al Commissario Straordinario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo e agli Assessori alla sanità delle Regioni italiane, per la Sicilia all’Assessore regionale Ruggero Razza. Il Mni, a seguito delle centinaia di segnalazioni del popolo infermieristico, respinge categoricamente le mezze misure intraprese dal Governo e avallate dalla Fnopi.

Il Movimento Nazionale Infermieri nato nel maggio del 2020 durante la prima fase dell’emergenza sanitaria che ha investito il nostro Paese, con l’intento di sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sull’ importanza e l’indispensabilità della Professione Infermieristica in un Sistema Sanitario Nazionale moderno, efficiente ed Europeo.

“Infermieri liberi”. Questo lo slogan al centro della grossa mobilitazione culminato con il flashmob virtuale dell’ 11 febbraio 2021 partecipato su tutto il territorio Nazionale. II Mni coinvolgendo le Istituzioni con pubblicazioni di articoli, interviste alla stampa e con il sopracitato evento ha intrapreso un’ampia discussione intorno al tema delle vaccinazioni al fine di sottolineare la necessità e l’importanza fondamentale della presenza della figura Infermieristica sia in una situazione di emergenza, ma soprattutto nella quotidiana realtà sanitaria, in modo necessariamente “svincolato” dalle proprie aziende.

Il Mni ha voluto sottolineare la necessità di abolire definitivamente il vincolo di esclusività (art. 4 comma 7 L. 412/91 che vieta ai sanitari dipendenti di azienda pubblica, appartenenti al Comparto, di prestare libera attività al di fuori della propria struttura). Sempre la L. 412/91 esorta, ma solo per la dirigenza medica, l’attività libero professionale in quanto incentivo alla “crescita professionale del singolo professionista”.

Evidentemente per l’allora legislatore la professione di Infermiere non era così importante. La pandemia ha dimostrato che non è così, evidenziando, come sottolineato dal Movimento Nazionale Infermieri, che gli Infermieri sono la spina dorsale del SSN.

Il Decreto Sostegni doveva e poteva essere un’opportunità per dare speranza e linfa agli infermieri Italiani. Un’opportunità di riconoscimento per la professione. Ancora una volta si resta con l’amaro in bocca e un pugno di mosche in mano. 

Ancora una volta l’Infermiere rimane subordinato e surclassato ad altre professioni. Escluso da qualsiasi autonomia professionale.

 L’emendamento del Decreto Sostegni, evidenzia enormi incongruenze con ciò che la Fnopi Federazione Nazionale Ordine delle Professioni Infermieristiche professa da tempo, ossia un riconoscimento degno della professione e un’assistenza incentrata sulla figura infermieristica.

Gli Infermieri auspicavano una svolta con il nuovo piano vaccinale nazionale. Ma ad oggi, a quasi due mesi dall’insediamento del nuovo Governo e del nuovo Commissario dell’Emergenza non esiste una pianificazione nazionale che coinvolga la figura infermieristica. Non esiste un piano vaccinale univoco per tutte le Regioni.

E’ stato concesso ai farmacisti, a seguito di un corso online di 16 ore e di un corrispettivo di 6 euro ad inoculazione, di vaccinare la popolazione, quando sarebbe stato più logico affiancare alla distribuzione capillare delle farmacie la figura dell’ “Infermiere di territorio/comunità”.

Gli Infermieri non possono accettare questa ennesima umiliazione. Non dopo oltre un anno di sacrifici. Sono stanchi di dover combattere con questo virus, ma ancora di più stanchi di non essere riconosciuti, supportati, difesi. Gli Infermieri chiedono di partecipare alla campagna vaccinale ma vogliono farlo come libera-professione in autonomia. 

In previsione della creazione del nuovo Ccnl la categoria infermieristica chiede: la stipula di un contratto esclusivo per la loro professione. Il riconoscimento delle competenze specialistiche e la valorizzazione dei percorsi di studio di Laurea e post Laurea. Stipendi in linea con le medie europee. Il Mni, a seguito delle centinaia di segnalazioni del popolo infermieristico, respinge categoricamente le mezze misure intraprese dal Governo e avallate dalla Fnopi.

Ultimi articoli pubblicati

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ungheria: migliaia di infermieri in sciopero contro bassi stipendi e carenza di personale

Sono stati migliaia gli infermieri ad essere scesi in piazza in Ungheria, in una gigantesca…

2 ore ago

Sanità. Prolungati i termini della Legge Madia

Passa al Senato la modifica della Legge Madia: prolungati i termini della stabilizzazione dei precari…

9 ore ago

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

22 ore ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

22 ore ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

22 ore ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

23 ore ago