Infermieri

Invasione di campo: più responsabilità e nessun adeguamento

Sembrerebbe in atto un nuovo tentativo, per mettere davanti al cammino della professione infermieristica, un ennesimo ostacolo del tipo più insidioso, quello che va ad insinuarsi a livello terminologico, nei contenuti degli articoli normativi.

Un recentissimo documento emanato dal Ministero della Salute, che si preoccupa di stabilire la definizione delle attività delle professioni sanitarie del SSN e che si propone come schema di accordo, va ad intaccare quanto contenuto nell’art. 1 comma 2 della legge 42/1999 là dove si afferma «(…) fatte salve le competenze previste per le professioni mediche e per le altre professioni del ruolo sanitario per l’accesso alle quali è richiesto il possesso del diploma di laurea, nel rispetto reciproco delle specifiche competenze professionali», si inserisce una modifica di non poco conto sostituendo il “fatte salve” con “criteri limite”. Giustamente la Federazione dei Collegi IPASVI nella persona della sua presidente Barbara Mangiacavalli, ha sottolineato la probabile inopportunità di tale cambiamento, poiché se in un primo momento veniva lasciata una «dinamicità positiva» in quella che rappresentava un essere in fieri guardato con favore dell’«organizzazione del lavoro in sanità» adesso si rischia di subire un tentativo di blocco per farci tornare nell’immobilismo

Advertisements

Sebbene la recentissima legge Gelli (n.24/2017) all’interno del proprio testo citi sempre gli “esercenti le professioni sanitarie”, ribadendo uniformità del concetto di responsabilità, e distinguendo in ambito delle competenze.

Rimaniamo sempre attenti su vari fronti che si sono già aperti e sicuramente si apriranno per osteggiare la presa di posizione della nostra professione, stiamo crescendo e da adulti desideriamo occupare il ruolo che ci spetta all’interno del SSN in qualità, capacità, competenze e auspichiamo che tutto questo sarà contenuto presto in una norma, che non potrà concludersi con l’affermazione “dall’attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica” perché la competenza si ottiene da parte dei professionisti con studio e applicazione e la maggiore qualità che ne deriva deve essere riconosciuta, come avviene ovunque, anche economicamente.

Dario Porcaro

Articoli Correlati

Ddl Gelli: dal diritto alla salute, linee guida, responsabilità civile e penale alla Documentazione clinica

Responsabilità professionale del personale sanitario: via libera della Camera al nuovo DDL

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021