Notizie primo piano

Coronavirus, buone notizie sul remdesivir: tempi di recupero più brevi

Uno studio rivela che l’antivirale sperimentale accorcia i tempi di guarigione, specie per i pazienti ospedalizzati con forma grave di Covid-19 e bisognosi di ossigeno supplementare.

Secondo un rapporto pubblicato sul New England Journal of Medicine, il farmaco antivirale sperimentale remdesivir è superiore allo standard di cura per il trattamento di Covid-19, in particolare accorciando i tempi di guarigione.

Advertisements

L’analisi preliminare si basa sui dati del trial terapeutico adattivo Covid-19 (Actt), sponsorizzato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid). Lo studio, randomizzato e controllato, ha arruolato adulti ricoverati con evidenza di coinvolgimento del tratto respiratorio inferiore (malattia generalmente da moderata a grave).

Gli studiosi hanno scoperto che remdesivir porta benefici soprattutto ai pazienti ospedalizzati con forma grave di Covid-19 che avevano bisogno di ossigeno supplementare. I risultati sui benefici in altri sottogruppi di pazienti sono stati invece meno conclusivi.

Lo studio è iniziato il 21 febbraio 2020 e ha arruolato 1.063 partecipanti in dieci Paesi in 58 giorni. I pazienti hanno firmato il consenso informato per partecipare alla sperimentazione e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere le cure standard impiegate nel loro Paese e un trattamento di dieci giorni con remdesivir per via endovenosa, oppure cure standard e un placebo. Il trial era in doppio cieco, il che significa che né gli investigatori né i pazienti sapevano chi stava ricevendo remdesivir e chi un placebo.

La sperimentazione ha chiuso l’arruolamento il 19 aprile 2020. Il 27 aprile 2020, mentre era ancora in corso il follow-up dei partecipanti, un comitato indipendente di monitoraggio dei dati e della sicurezza, che sovrintendeva alla

sperimentazione, ha esaminato i risultati e ha condiviso le proprie analisi preliminari con il Niaid. L’Istituto ha rapidamente reso pubblici i risultati, descritti nel rapporto pubblicato poi sul Nejm.

Ebbene, il rapporto rileva che i pazienti che hanno ricevuto remdesivir hanno giovato di un tempo di recupero più breve rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo. Il tempo medio di recupero è stato di 11 giorni per i pazienti trattati con remdesivir e di 15 giorni per quelli che hanno ricevuto il placebo. I risultati sono statisticamente significativi e si basano su un’analisi di 1.059 partecipanti (538 che hanno ricevuto remdesivir e 521 che hanno ricevuto placebo).

I risultati della sperimentazione hanno anche suggerito un beneficio in termini di sopravvivenza, con un tasso di mortalità a 14 giorni del 7,1% per il gruppo trattato con remdesivir rispetto all’11,9% per il gruppo placebo. Tuttavia la differenza di mortalità non è risultata statisticamente significativa.

In definitiva, secondo gli autori, i risultati supportano remdesivir come terapia standard per i pazienti ricoverati in ospedale con Covid-19 e che richiedono una terapia con ossigeno supplementare. L’8 maggio 2020 il Niaid ha iniziato uno studio clinico, noto come Actt 2, per valutare remdesivir in combinazione con il farmaco antinfiammatorio baricitinib rispetto al solo remdesivir.

Redazione Nurse Times

Fonte: Salute H24

Aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia in Italia

Aiutateci ad aiutarvi

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021