Viaggi extraeuropei, Speranza firma nuova ordinanza

Vediamo le modifiche principali previste dalla nuova normativa.

Novità in vista per i viaggiatori che intendono oltrepassare i confini europei. Nella giornata di ieri, 25 ottobre, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha infatti firmato un’ordinanza che proroga fino al 15 dicembre le misure necessarie per regolamentare il rientro in Italia dall’estero.

Confermata la suddivisione dei Paesi europei ed extra-europei in elenchi, che vengono aggiornati con cambiamenti sostanziali per alcuni Stati. Ecco le modifiche principali:

  • entrano nell’elenco D: Bahrein, Israele (prima nell’elenco C), Cile, Kuwait, Rwanda e Uruguay. In questi casi i viaggi ai fini turistici sono consentiti previo possesso del Green Pass, di un tampone negativo e del Passenger Locator Form, il passaporto digitale utilizzato dalle Autorità Sanitarie nel caso in cui i passeggeri siano stati esposti ad una malattia infettiva durante un viaggio a bordo. Il Green Pass viene rilasciato dopo aver completato il ciclo vaccinale anti-Covid, oppure dopo essere guariti dal coronavirus, oppure dopo aver fatto un tampone molecolare o antigenico 48 ore prima dell’ingresso in Italia con esito negativo. Nel caso di ingressi da UK e Irlanda del Nord e dalle isole il tampone deve essere fatto entro le 48 ore dall’ingresso in Italia;
  • Esclusi dall’elenco D e declassati all’elenco E: Albania, Armenia, Azerbaigian, Bosnia ed Erzegovina, Brunei, Libano, Moldavia, Montenegro, Repubblica di Macedonia del Nord e Serbia. Presenti in questa categoria anche India, Brasile, Bangladesh e Sri Lanka. Vietati categoricamente gli spostamenti per fini turistici da e verso questi Stati: è ammessa la possibilità di viaggiare solo per fini lavorativi, di salute, di studio o di assoluta urgenza. In caso di rientro in Italia da uno di questi Stati sarà necessario sottoporsi, oltre al tampone, anche ad una quarantena di 10 giorni, seguita da un ulteriore test.

Nonostante si sperasse nell’allentamento di alcune misure, soprattutto in virtù dell’apertura di nuovi corridoi turistici, le linee ministeriali restano ancorate alla massima prudenza. La speranza di viaggiatori e operatori turistici è quella di un nuovo decreto che preveda alleggerimenti dei protocolli sanitari nelle destinazioni servite dai corridoi Covid-free.

Ancora in discussione la necessità del Green Pass per i bambini, ma sussiste la prospettiva ottimistica dell’apertura di nuovi corridoi turistici, stavolta in ThailandiaOman Capo Verde. Potrebbe entrare in vigore anche un “bollino trade”, destinato ai viaggiatori che prenotano viaggi in sicurezza con determinate agenzie di viaggio e tour operator.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Ferite in cardiochirurgia: problematiche collegate alle infezioni

Riceviamo e pubblichiamo un contributo sul tema a cura del dottor infermiere Antonio Savino -…

28/11/2022

Tesi infermieristica: “Prevenzione e gestione della risposta allergica nel bambino in età scolare: progetto educativo nelle scuole”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

28/11/2022

Infermieri interinali in Veneto, Nursing Up: “Un altro paradosso della sanità italiana”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a cura del presidente nazionale del sindacato, Antonio De Palma.…

28/11/2022

Regno Unito, sciopero degli infermieri il 15 e il 20 dicembre: chiedono adeguamento salariale

Il Royal College of Nursing ha annunciato le date dell'iniziativa. Saranno comunque garantiti i servizi…

28/11/2022

Nuova deontologia per i medici: non potranno sconsigliare i vaccini

Riforma in vista per il Codice deontologico dei camici bianchi. Anelli (Fnomceo): "Non si può…

28/11/2022

Ulss 3 Serenissima cerca infermieri interinali per far fronte alla carenza di personale: costano quasi 6mila euro l’uno

A seguito della trattativa con una ditta di Udine l'Azienda sanitaria ha spuntato un preventivo…

28/11/2022