Notizie primo piano

Veneto, l’esempio di tre bambine: donano i capelli per le parrucche destinate a donne malate di tumore

Un bel gesto per aiutare chi affronta il processo psicologico che affianca il trattamento sanitario.

Il gesto ha un valore immenso, anche perché parte da una bambina di otto anni. La piccola Greta, figlia di un dipendente dell’Istituto oncologico veneto (Iov), ha donato le sue lunghe trecce bionde perché siano trasformate in una parrucca da regalare a una paziente colpita da tumore. Le terapie possono spesso indurre la momentanea perdita dei capelli, e la cura di sé fa parte del processo psicologico che affianca il trattamento sanitario.

“La scelta di Greta, così importante perché ha pensato al prossimo, ha dato vita a una sorta di catena del cuore – racconta la dottoressa Patrizia Benini, direttore generale dello Iov –. Sul suo esempio altre due bambine, grandi donne, il cui desiderio è di mantenere l’anonimato, hanno regalato la loro chioma. Un atto colmo di altruismo, che ha aperto alla collaborazione di molte altre persone decise a fare lo stesso”.

Chi vuole regalare alle signore in cura oncologica i propri capelli o le pazienti desiderose di ricevere una parrucca che non possono pagare scrivano una e-mail a: segreteria@lacurasonoio.it. I capelli donati saranno consegnati, come quelli di Greta e delle altre due ragazzine, all’associazione di promozione sociale di Verona “La Cura Sono Io”

, che a sua volta li porterà a un’azienda specializzata nel confezionamento delle parrucche.

La presidente dell’associazione, Maria Teresa Ferrari, scrittrice, è un’ex paziente che a 50 anni ha dovuto affrontare un carcinoma mammario e le conseguenti terapie. E allora ha lanciato il progetto “Taglia e Dona”: i parrucchieri aderenti all’iniziativa offrono un taglio gratuito a chiunque decida di compiere questo gesto solidale.

“Si accettano tutti i tipi di capelli, anche grigi, non trattati oppure trattati con tinta o permanente, non decolorati – fa sapere l’associazione -. Puliti e asciutti, vanno raccolti in una treccia della lunghezza minima di 30 centimetri. A chi dona, sarà consegnato un certificato di ringraziamento”.

Redazione Nurse Times

Fonte: Corriere del Veneto

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Citomegalovirus, Fda approva il farmaco maribavir 

Si tratta del primo trattamento per pazienti con infezione post-trapianto che non rispondono agli antivirali.…

01/12/2021

Mieloma multiplo, disponibili anche in Italia gli anticorpi farmaco-coniugati

GSK annuncia l'arrivo di belantamab mafodotin, una delle “armi” intelligenti contro la seconda neoplasia ematologica…

01/12/2021

Campobasso, nuova piattaforma interventistica guidata da immagini attiva al Gemelli Molise

Il dispositivo, chiamato Azurion, permette una visione più accurata, esponendo il paziente e il personale…

01/12/2021

Austria, pugno duro contro i no vax: multe salatissime in vista

Oltre all'obbligo vaccinale, che scatterà il 1° febbraio, il governo di Vienna intende introdurre sanzioni…

01/12/2021

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L'episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto…

01/12/2021

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30 giorni. 107 infermieri ogni 24 ore si infettano»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30…

01/12/2021