? Speciale CoronaVirus ?

Trieste, infermiera shock alla manifestazione contro il Green Pass: “Non mi vaccino”

La donna, in servizio all’ospedale Maggiore, si è presentata davanti ai microfoni Rai per esternare la sua posizione no vax. Rischia la sospensione e un provvedimento disciplinare.

Ha combattuto in prima linea contro il coronavirus, ma venerdì mattina, finito il turno di notte, si è presentata al porto di Trieste per partecipare alla manifestazione contro il Green Pass. Un intervento che potrebbe costare caro a Nadia Norbedo (foto), infermiera del reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Maggiore, che ora rischia la sospensione e un provvedimento disciplinare.

Durante il presidio la donna ha persino preso la parola davanti ai microfoni Rai: «Io sono contro il Green Pass, misura restrittiva e obbligatoria che ci controlla tutti. Non sono vaccinata, sono favorevole a una libera scelta». Libera scelta che però, come noto, non si applica agli operatori sanitari, per i quali l’obbligo di vaccinazione anti-Covid è sancito e codificato da mesi.

«Il vaccino non lo farò – ha proseguito –. Mi è arrivato l’appuntamento per l’iniezione, fissato per oggi, ma non ci vado perché non sto bene, ho l’herpes. Alcuni di noi sono stati sospesi, in realtà pochissimi. Molti altri dal primo aprile sono in attesa della sospensione. Intanto, però, stiamo lavorando come abbiamo sempre fatto»

.

Amplificata dai social, la sua voce è giunta ai piani alti della Regione, scatenando la furia del vicepresidente e assessore alla Salute, Riccardo Riccardi: «Interveniamo immediatamente per procedere alla sospensione. Purtroppo il problema è spesso rappresentato da carte e dichiarazioni presentate dal personale sanitario».

Ed è giunta anche a Luciano Clarizia, presidente dell’Ordine regionale delle professioni infermieristiche, noto per le sue posizioni durissime nei confronti degli infermieri non vaccinati. Nel Pordenonese, sua area di competenza prima di essere nominato quest’anno presidente regionale, sono già piovute numerose sospensioni, sia negli ospedali che nelle strutture secondarie.

«Abbiamo avviato immediatamente la procedura per la sospensione rapida dell’infermiera in questione – ha tuonato –. Inoltre è partita una segnalazione che può portare a una sanzione disciplinare. Come presidente dell’Ordine regionale, chiederò di perseguire l’infermiera professionalmente per le dichiarazioni assolutamente vergognose che ha rilasciato in diretta televisiva».

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Pesaro: sospesi altri 36 infermieri, medici e OSS non vaccinati contro il Covid-19

Pesaro, 29 novembre 2021 - Sono 36. Si tratta di medici , infermieri, oss, tutti dipendenti di Asur…

29/11/2021

Londra, impiantato per la prima volta al mondo occhio protesico stampato in 3D

L'intervento è stato eseguito al Moorfields Eye Hospital. Ne ha beneficiato un ingegnere di 47…

29/11/2021

Il 65% degli Svizzeri votano si al referendum per adeguare gli stipendi degli infermieri

Sanità Nursing Up De Palma: «In Svizzera sono stati i cittadini, in queste ore, con…

29/11/2021

ANIPIO. Infezioni ospedaliere in Italia: ogni anno muoiono quasi 11mila persone

Nel 2050 i morti saranno 450mila e l’Italia avrà speso 12 miliardi di euro Censimento…

29/11/2021

Glutine “detossificato” per celiaci e intolleranti: il brevetto dell’Enea

La particolare proteina è prodotta utilizzando cellule batteriche o vegetali che, adeguatamente istruite con i…

29/11/2021

Diabete di tipo 2, presentate le nuove linee guida SID-AMD

Tutte le novità presenti nell'edizione aggiornata del documento elaborato da Società italiana di diabetologia e…

29/11/2021