Statine proteggono il cuore dalla chemioterapia per il cancro al seno

Le statine, comunemente utilizzate per ridurre i livelli di colesterolo, possono proteggere il cuore delle donne dai danni causati durante la chemioterapia per il cancro al seno in stadio iniziale. Ad approfondire l’argomento uno studio pubblicato sul sul Journal of the American Heart Association.

Si ipotizza che le statine riducano il rischio di cardiotossicità associata alle antracicline e al trastuzumab. “Il nostro scopo – scrivono i ricecatori – era studiare l’associazione dell’esposizione alle statine con il ricovero in ospedale o le visite al pronto soccorso (presentazioni ospedaliere) per insufficienza cardiaca (HF) dopo chemioterapia contenente antracicline e/o trastuzumab per il cancro al seno in fase iniziale“.

Utilizzando database amministrativi collegati, i ricercatori hanno sviluppato uno studio di coorte retrospettivo su donne di età uguale o superiore a 66 anni senza precedente scompenso cardiaco che hanno ricevuto antracicline o trastuzumab per carcinoma mammario in fase iniziale di nuova diagnosi in Ontario tra il 2007 e il 2017.

Le donne esposte alle statine e non esposte sono state abbinate 1: 1 utilizzando punteggi di propensione.

Anche le donne trattate con trastuzumab sono state abbinate per esposizione alle antracicline. Sono state abbinate 666 coppie discordanti da statine di donne trattate con antracicline e 390 coppie di donne trattate con trastuzumab (età media, rispettivamente 69 e 71 anni).

L’incidenza cumulativa a 5 anni di presentazioni ospedaliere per SC dopo antracicline è stata dell’1,2% (IC 95%, 0,5% –2,6%) nelle donne esposte alle statine e del 2,9% (IC 95%, 1,7% -4,6%) nelle donne non esposte (P valore, 0,01). L’hazard ratio causa-specifica associato alle statine nella coorte delle antracicline era 0,45 (95% CI, 0,24-0,85; valore P, 0,01). Dopo trastuzumab, l’incidenza cumulativa a 5 anni di presentazioni ospedaliere per SC è stata del 2,7% (95% CI, 1,2% –5,2%) nelle donne esposte alle statine e del 3,7% (95% CI, 2,0% –6,2%) nelle donne non esposte ( Valore P 0,09). L’hazard ratio causa-specifica associato alle statine nella coorte di trastuzumab era 0,46 (95% CI, 0,20–1,07; valore P, 0,07).

Conclusioni

Le donne esposte alle statine avevano un rischio inferiore di presentazioni ospedaliere per HF dopo chemioterapia precoce del cancro al seno con antracicline, con tendenze non significative verso un rischio inferiore dopo trastuzumab. Questi risultati supportano lo sviluppo di studi clinici controllati randomizzati di statine per la prevenzione della cardiotossicità.

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

“Domani arriverà” la realtà degli infermieri italiani nella pandemia

"Domani arriverà" è un libro dedicato a tutti gli operatori sanitari e a tutti coloro…

9 ore ago

Cancro polmonare e immunoterapia: lo studio

Conoscere l'assetto mutazionale dei tumori prima di iniziare i trattamenti oncologici è fondamentale. Un recente…

11 ore ago

Ricoverati per Covid: le coseguenze sui polmoni a un anno di distanza

A un anno di distanza, un nuovo studio ha dimostrato, che la maggior parte dei…

11 ore ago

Tirocinante riceve per errore 6 dosi di vaccino anti Covid-19: ricoverata in osservazione

Una studentessa del corso di laurea in psicologia ha erroneamente ricevuto sei dosi di vaccino…

12 ore ago

La coppia rientrata in Italia dall’India ora è grave in ospedale

Babbo Enzo, mamma Simonetta e la piccola figlia Mariam Gemma di 2 anni erano rimasti…

12 ore ago

Dolore da cancro: buona analgesia da combinazione ossicodone/paracetamolo a rilascio immediato

Lo rivela uno studio pubblicato su Cancer Management and Research. La prima analisi, tutta italiana,…

16 ore ago