Notizie primo piano

Oms e Ilo: “Lavorare troppo aumenta il rischio di morte, malattie cardiache e ictus”

Uno studio condotto da Organizzazione mondiale della sanità e Organizzazione internazionale del lavoro hanno quantificato i danni.

Lavorare più di 55 ore a settimana aumenta il rischio di morte per malattie cardiache e ictus. A quantificare il danno è uno studio dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), pubblicato sulla rivista Environment International, che punta il dito su come la pandemia da coronavirus stia rafforzando in modo preoccupante la tendenza a lavorare troppe ore.

“Con la pandemia – ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Oms – il telelavoro è diventato la norma in molti settori, spesso offuscando i confini tra casa e lavoro. Inoltre molte aziende sono state costrette a ridimensionare o chiudere le loro attività per risparmiare denaro, e le persone che continuano a impiegare finiscono per lavorare più a lungo ore”.

Gli autori hanno sintetizzato i dati di dozzine di studi precedenti all’emergenza Covid, che hanno coinvolto centinaia di migliaia di partecipanti. Lo studio conclude che lavorare 55 ore o più a settimana è associato a un aumento stimato del 35% del rischio di ictus e del 17% del rischio di morte per cardiopatia ischemica

rispetto a programmi di 35-40 ore di lavoro a settimana. Solo nel 2016, ad esempio, Oms e Ilo stimano che 398mila persone sono morte per ictus e 347mila per malattie cardiache dopo aver lavorato almeno 55 ore a settimana. Tra il 2000 e il 2016 il numero di decessi per malattie cardiache legate a orari di lavoro prolungati è aumentato del 42%, cifra che si attesta al 19% per gli ictus. E la pandemia ha peggiorato la situazione.

Uno studio del National Bureau of Economic Research in 15 Paesi ha mostrato, infatti, che il numero di ore di lavoro è aumentato di circa il 10% durante i lockdown. Il telelavoro, infatti, rende più difficile disconnettere i lavoratori. Inoltre la pandemia ha aumentato la precarietà del lavoro, che, in tempi di crisi, tende a spingere chi ha mantenuto il proprio a lavorare di più.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Studio del cervello: sviluppata una nuova tecnica dall’Università di Firenze

Innovativa tecnica ottica per l’indagine macroscopica ad alta risoluzione. Pubblicazione su Nature Methods a cura…

1 ora ago

CDC: la variante Delta si diffonde con la stessa facilità della varicella e causa disturbi più gravi

La variante Delta del coronavirus, in aumento negli Stati Uniti, sembra causare disturbi più gravi…

1 ora ago

Essere infermieri nell’era post-pandemica: ampliamento degli ambiti di intervento e di attività

Punti di forza e criticità Essere infermieri oggi, nella manifestazione delle diverse funzioni e competenze…

1 ora ago

Rifiutano il tampone, chi sono i no-tamp?

Ad inizio pandemia in molti hanno avuto difficoltà ad abituarsi all'utilizzo quotidiano della mascherina, o…

2 ore ago

Ministero della Salute: Equipollenza certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi

In merito all’accettazione di certificazioni vaccinali e di guarigione rilasciate dagli Stati Terzi identificati dall’ordinanza…

7 ore ago

Nursing up. Rinnovo contratto infermieri: riconoscere il posto che meritano

Sanità, Infermieri Nursing Up De Palma: «Vogliamo finalmente un alveo di contrattazione per le elevate…

8 ore ago