Infermieri

Infermiere demansionato, sentenza della Corte di Cassazione condanna Asl 2 dell’Abruzzo

Un’altra sentenza di condanna per demansionamento infermieristico arriva nei confronti della Asl 2 di Lanciano

Sul demansionamento arriva un’altra sentenza della Corte di Cassazione, a favore della professione infermieristica. La vicenda è quella di un infermiere abruzzese, dipendente della Azienda sanitaria 2 di Abruzzo (Lanciano-Vasto-Chieti) “costretto a lavorare per anni senza l’ausilio e il supporto di personale con la qualifica di Operatore Socio-Sanitario”, come si legge sul sito ufficiale dell’Unione sindacale di base, che ha seguito la vertenza del suo iscritto.

Per arrivare alla condanna definitiva, con la sentenza della Corte di Cassazione n.00359/22 del 10 gennaio scorso, ci sono voluti anni di udienze in tribunale con quelle (sempre di condanna) emesse prima dal Tribunale di Chieti nel 2017 e poi dalla Corte d’Appello di L’Aquila nel 2019.

La Asl 2 Abruzzo è stata condanna (anche al risarcimento danni nei confronti dell’infermiere) per aver demasionato lo stesso professionista della salute.

Una vertenza, si legge sul situo della Usb nazionale, che ha dimostrato “come una intera categoria professionale, quella degli infermieri, sia stata costretta a lavorare in condizioni inaccettabili, dequalificati e demansionati di fatto, costringendoli ad assolvere compiti che non rientrano nelle loro mansioni”.

Questione che, nel caso specifico, riguarda la sanità abruzzese ma che, come spesso ci viene raccontato e denunciamo, si verifica su tutto il territorio nazionale. Nonostante l’emergenza sanitaria in corso le aziende sanitarie, con la collaborazione di dirigenti infermieristici compiacenti continuano a demansionare gli infermieri.

Si E’ anche la sentenza n. 395 del 2019 emessa dal Tribunale di Bologna ha sancito come “le attività domestico alberghiere e l’igiene dei pazienti non competano in alcun modo all’infermiere”.

Ancora una volta i giudici ribadiscono come “le attività di igiene diretta sui pazienti, di pulizia dei lettini e delle barelle, dei pavimenti delle sale e di detersivo e manuale degli strumenti comuni di sala non appartengano ed anzi siano totalmente estranee al Profilo Professionale dell’infermiere”.

“La sentenza della Corte di Cassazione rende giustizia alle tante e ingiustificabili angherie di cui è vittima tutto il personale sanitario del nostro paese” commentando dall’Unione sindacale di base.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Asl Foggia, salta la stabilizzazione per 54 infermieri reclutati durante la pandemia: “Una vera beffa”

Agli interessati non sono stati riconosciuti i mesi di lavoro in pronta disponibilità. 64 infermieri…

02/12/2022

Vaccino anti-Covid, Corte Costituzionale: “Legittimo l’obbligo per il personale sanitario”

La Consulta ha sciolto i dubbi sollevati in merito da alcuni uffici giudiziari a seguito…

02/12/2022

Sanità territoriale, Bottega (Nursind): “Per potenziarla davvero bisogna investire sul capitale umano”

Il segretario nazionale del sindacato infermieristico, da noi contattato, interviene nel dibattito sui nuovi presidi…

01/12/2022

Recidive di infezione da Clostridioides difficile, Fda approva farmaco a base di microbiota fecale

Il prodotto, è sviluppato da Ferring Pharmaceutical, si chiama Rebyota ed è destinato a soggetti di…

01/12/2022

Mancano gli infermieri? No problem, all’Asst Sette Laghi arrivano gli oss

L'Azienda ha assunto 64 operatori socio-sanitari in più rispetto allo scorso anno. Per sopperire alla…

01/12/2022

Sanità Calabria, depositato in Senato un emendamento che prevede un’indennità giornaliera aggiuntiva per i sanitari di 118 e pronto soccorso

Corrisponde a un trentesimo della retribuzione mensile lorda in godimento. Per chi è in regime…

01/12/2022