? Speciale CoronaVirus ?

Nasce Hera: traccerà il nuovo corso dell’Europa in tema emergenze sanitarie

La nuova Autorità, costituita in seno alla Commissione europea, sarà pienamente operativa all’inizio del 2022.

La Commissione europea si dota di un’Autorità europea per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie. Si chiama Hera e sarà la “gemella” dell’americana Barda. Il suo compito sarà quello di anticipare le minacce e le potenziali crisi sanitarie. In caso di emergenza, funzionerà anche come centro unico di acquisto, assicurando lo sviluppo, la produzione e la distribuzione di medicinali, vaccini, e materiale sanitario, come ad esempio guanti e mascherine.

Specie sui vaccini, l’Hera avrà:

  • potere di prendere decisioni rapide;
  • capacità di attivare finanziamenti di emergenza;
  • possibilità di negoziare vaccini e trasporti con gli Stati membri.

L’Autorità sarà pienamente operativa all’inizio del 2022, ma di fatto i lavori sono iniziati ufficialmente ieri con un finanziamento di 6 miliardi di euro, distribuiti nei prossimi sei anni dal quadro finanziario pluriennale (2022-2027), parte del quale integrato da NextGenerationEU. Il suo funzionamento sarà riesaminato e adattato su base annuale fino al 2025, quando sarà effettuato un riesame completo. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato che si arriverà a circa 50 miliardi di euro in finanziamenti per la preparazione sanitaria dell’Ue, sottolineando che il nuovo organismo rappresenta un pilastro chiave dell’Unione della sanità, volta a colmare le lacune esistenti.

Durante l’annuncio ufficiale della costituzione del nuovo organo è stato creato uno scenario per mostrare cosa sarebbe successo con il coronavirus se l’Agenzia fosse stata costituita prima: rilevamenti effettuati per tempo, una classificazione accurata e un giudizio che avrebbe potuto quantificarne la potenza. Poi un sistema di ricerca e organizzazione delle necessità praticamente immediato, che avrebbe evitato la carenza di mascherine e macchinari. Infine una pianificazione della vaccinazione più coesa, che avrebbe permesso una partenza anticipata.

«Attraverso Hera rendiamo la sicurezza sanitaria uno sforzo comune europeo e mettiamo in atto un pilastro fondamentale per un’Unione europea della salute veramente resiliente», ha dichiarato Stella Kyriakides, commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid-19, quasi 50.000 nuovi casi in UK ieri. Sotto accusa la nuova variante AY.4.2

Quasi 50.000 contagi ieri, oltre 200 morti oggi, al picco da marzo per quanto appesantiti…

19/10/2021

Psoriasi, identificati i fattori di rischio che ne favoriscono la comparsa

Su Alleati per la Salute è stato pubblicato un focus riguardante i trigger che possono…

19/10/2021

Infertilità femminile: iniezioni di plasma concentrato per favorire la gravidanza

La soluzione arriva dalla medicina rigenerativa. Se ne discuterà al prossimo Congresso Giovani SIMCRI. La…

19/10/2021

Vergallo (Presidente AAROI) sull’emergenza-urgenza “ci sono situazioni in cui gli infermieri possono praticare farmaci salvavita, senza sostituirsi al medico”

“Ci sono sistemi di emergenza-urgenza, in regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto e…

19/10/2021

Alopecia e vitiligine: i nuovi orizzonti della fotoprotezione a basso impatto ambientale

Ne hanno parlato i dermatologi della SIDeMaST, riuniti in streaming al loro 95esimo Congresso. Formulazioni…

19/10/2021

Menopausa: nuova terapia basata su combinazione di due ormoni naturali

Il 17 beta estradiolo e il progesterone micronizzato hanno una struttura chimica identica a quella degli ormoni…

19/10/2021