Medici no vax, Omceo Roma: “Sospensioni al via da metà dicembre”

Il presidente Antonio Magi fa sapere che l’Ordine capitolino interverrà non appena avrà accesso all’anagrafe vaccinale.

“A brevissimo avremo accesso diretto all’anagrafe vaccinale, che ci consentirà di verificare quali medici sono ‘sfuggiti’ alla vaccinazione anti-Covid a Roma e provincia. Purtroppo le Asl sono state molto lente e non ci hanno fornito i riscontri che attendevamo. Da loro abbiamo ricevuto 50 segnalazioni e abbiamo sospeso 35 medici, ma i numeri sono molto più alti. La ricognizione non è stata quindi soddisfacente. Ecco perché la Legge 172 ha tolto alle Asl questo compito e lo ha conferito all’Ordine professionale”. Antonio Magi (foto), presidente dell’Ordine dei medici di Roma, illustra così, all’agenzia di stampa Dire, il nuovo sistema che intercetterà i medici senza vaccino anti-Covid sul territorio.

Advertisements

“Sono 600 i medici non in regola con le vaccinazioni anti-Covid – aggiunge Magi –, e questi sono numeri che ci hanno dato la Regione e i Nas, che stanno effettuando i controlli. Non appena avremo accesso all’anagrafe vaccinale, da metà dicembre, interverremo quindi anche con le sospensioni dopo i cinque giorni dalla comunicazione con cui chiediamo al medico di vaccinarsi perché risulta non ancora immunizzato. Una volta verificato che non esiste un codice di esenzione che sollevi il medico dall’obbligo vaccinale, e trascorsi i cinque giorni, procediamo con la sospensione, e il sanitario, già nell’immediato, non potrà esercitare la professione”

.

Una procedura che azzererà i tempi finora registrati, assicura Magi, e che farà emergere tutti coloro che non vogliono sottoporsi al vaccino: “Non si tratterà solo di medici di famiglia, ma anche di medici ospedalieri e liberi professionisti – rimarca il presidente –. L’obbligo vaccinale, come previsto dalla legge, è un elemento essenziale per esercitare la professione medica ed è un requisito fondamentale. I colleghi che non risultano vaccinati non possono nemmeno iscriversi all’Ordine dei medici. Ormai è come la laurea, e questo obbligo vale anche per la terza dose”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Infermiere aggredito dal paziente positivo che gli impedisce di mangiare la pizza in P.S.

A farne le spese questa volta un infermiere in servizio presso il pronto soccorso. Il…

30/06/2022

Terremoto all’Ordine dei Medici Roma: AADOSS procede al commissariamento per corruzione

L’Associazione Avvocatura Degli Operatori Sanitari e Socio-Sanitari (AADOSS) gemella dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri (AADI), ha…

30/06/2022

Sanità. AISF – Presentate le nuove linee guida per la steatosi epatica non alcolica (NAFLD) 

"Dal punto di vista diagnostico, abbiamo definito degli algoritmi di triage per identificare i pazienti…

30/06/2022

Emergenza infermieri in Italia: proposte di ripresa e sviluppo della professione

Si è tenuto il 22.06.2022 a Milano presso la Sala Pirelli l'evento organizzato dall'associazione “Orgogliosamente Infermieri”(OMINF) dal…

30/06/2022

Audizione Fnopi in Commissione d’inchiesta sul femminicidio al Senato: 5 proposte per contenere la violenza di genere

Infermieri in prima linea l'odioso fenomeno. La Federazione lancia anche l'allarme anziani. Gli infermieri di…

30/06/2022

Lodi, pubblica il video di un balletto in corsia su TikTok: operatrice trasferita in un altro ospedale

Il provvedimento del direttore generale dell'Asst è motivato dal nuovo regolamento interno sull'uso dei social.…

30/06/2022