Malattie croniche intestinali, scoperta la funzione di barriera contro depressione e ansia del plesso coroideo

La sua attività di membrana vascolare, in grado di aprirsi e chiudersi come un “cancello”, era ignota. A rivelarla è stato un team di ricercatrici dell’Humanitas di Milano.

Depressione e ansia accompagnano spesso chi soffre di malattie croniche intestinali, come la colite ulcerosa e il morbo di Crohn, tant’è che la comunità scientifica è d’accordo da anni nel ritenere che ci sia un legame tra intestino e cervello, il cui funzionamento però è stato fino a oggi indefinito.

Advertisements

Un team di ricercatrici dell’Humanitas di Milano, coordinato dalla professoressa Maria Rescigno, capo del Laboratorio di Immunologia delle mucose e microbiota e docente di Patologia generale di Humanitas University, ha pubblicato su Science i risultati di uno studio che apre nuovi scenari nella conoscenza del funzionamento di una delle barriere fra il circolo sanguigno e cervello, il plesso coroideo.

“Proprio nel plesso coroideo – spiega Rescigno – è stato documentato il meccanismo che blocca l’ingresso nel cervello di segnali infiammatori originati nell’intestino e migrati verso altri organi grazie al flusso sanguigno. A tale fenomeno è associato un isolamento del cervello dal resto dell’organismo che è responsabile di alterazioni comportamentali, tra cui l’insorgenza di stati di ansia. Questo significa che tali condizioni del sistema nervoso centrale sono parte della malattia e non solo manifestazioni secondarie”.

Il plesso coroideo è una struttura cerebrale che normalmente consente l’ingresso di sostanze nutritive e cellule immunitarie nel cervello, e filtra il liquido cerebrospinale. La sua attività di membrana vascolare, in grado di aprirsi e chiudersi come un “cancello” a seconda dello scenario circostante, era ignota.

“Lo studio dimostra che tale ‘cancello’ si chiude di fronte al pericolo di una forte infiammazione intestinale per impedire il propagarsi dell’infiammazione al cervello, con conseguente sviluppo di ansia e depressione”, dice la microbiologa Sara Carloni.

“La scoperta che una barriera vascolare del plesso coroideo si riorganizzi e si chiuda per bloccare l’ingresso di sostanze tossiche prodotte in seguito a una patologia intestinale è di grande interesse”, sottolinea Simona Lodato, capo del Laboratorio di Neurosviluppo di Humanitas. 

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Tumori, nuove speranze di cura da uno studio made in Italy

I ricercatori del San Martino di Genova lavorano allo sviluppo di una terapia che promette…

07/02/2023

Cambio divisa, Ao Cannizzaro dovrà pagare un totale di 200mila euro a 74 infermieri

Lo ha stabilito la Corte d'Appello, confermando la sentenza di primo grado. Esulta il sindacato…

07/02/2023

Autonomia differenziata in sanità, il monito di Schillaci: “Regioni siano guidate dal ministero”

Si infiamma il dibattito politico sul disegno di legge presentato dal ministro per gli Affari…

07/02/2023

Ucraina, morto l’infermiere eroe Pete Reed: ha salvato migliaia di vite nelle zone di guerra

Se n'è andato a soli 33 anni. Una bomba russa è esplosa sulla piccola ambulanzache…

07/02/2023

Sisma Turchia: infermieri italiani del 118 e delle organizzazioni di volontariato in prima linea

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sisma Turchia, infermieri italiani del 118 e delle organizzazioni di…

07/02/2023

Può un presidente Opi e membro del comitato centrale Fnopi schierarsi politicamente?

Non è sfuggita agli sguardi più attenti la presenza dei presidenti Opi e Tsrm di…

07/02/2023