NT News

Lodi, pubblica il video di un balletto in corsia su TikTok: operatrice trasferita in un altro ospedale

Il provvedimento del direttore generale dell’Asst è motivato dal nuovo regolamento interno sull’uso dei social. Ma la decisione fa dsicutere.

Il video di un balletto registrato mentre era in corsia, con addosso la divisa da lavoro sebbene fuori servizio, potrebbe costare molto caro a un’operatrice sanitaria dell’ospedale Maggiore di Lodi. I pochi passi di danza con un bambolotto pubblicati su TikTok non sono infatti piaciuti a Salvatore Gioia, direttore generale dell’Asst Lodi, che dapprima ha fatto rimuovere il video dai social, quindi ha disposto il trasferimento dell’operatrice dal suo reparto in un altro ospedale del Lodigiano. Evitato, almeno per ora, il consiglio di disciplina.

Advertisements

Una decisione, quella del dg, dovuta al nuovo regolamento sui social media sottoscritto dall’Azienda ospedaliera. Un documento, in vigore da marzo 2021, che riguarda l’utilizzo dei canali social privati degli oltre 2mila dipendenti, informando tra l’altro i medici, gli infermieri e gli oss che “per mantenere gli standard e i confini professionali è opportuno non accettare richieste di amicizia sui social da parte dei pazienti”.

“Precisiamo che la vicenda raccontata non ha determinato provvedimenti da parte del direttore generale e che non risultano circostanze che possano avere dato avvio a procedimenti disciplinari – si legge in una nota diffusa dall’Asst -. Al personale dell’azienda sono state ribadite le policy aziendali in tema di comunicazione e utilizzo dei social media, come da regolamento in vigore dal 1° marzo 2021”.

Una stretta sulla privacy che non trova d’accordo i sindacati. Specialmente Confsal Lodi, che ha chiesto al Garante della privacy di valutare il nuovo regolamento sui social media dell’Azienda. “Non giudico il caso specifico dell’operatrice sanitaria perché non conosco il video, ma chiederò chiarimenti all’Azienda – dichiara il segretario provinciale Stefano Lazzarini -. Fin da quando è entrato in vigore il documento abbiamo chiesto un intervento del Garante, perchè non riteniamo idoneo questo regolamento. Secondo noi, ci sono punti che vanno ben oltre il semplice impiego di un dipendente. L’Azienda impone troppe limitazioni, anche nella sfera privata, che non hanno nulla a che vedere col lavoro svolto ogni giorno in corsia”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

San Giovanni Rotondo (Foggia), rara malattia neurologica diagnosticata a profugo ucraino

Yevstakhii Zelinskyi, per gli amici Stas, è ricoverato da cinque mesi all’Irccs Casa Sollievo della…

28/09/2022

Nursing Up: “Pronto soccorso italiani nel caos e infermieri costretti a navigare nella tempesta”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a cura del sindacato. "Siamo alle prese con un…

28/09/2022

Colesterolo, un killer silenzioso: il 40% degli italiani lo sottovaluta

Lo evidenzia una ricerca di Sanofi e SWG sulla percezione delle malattie cardiovascolari. Silenzioso, invisibile…

28/09/2022

Malattie infettive in ortopedia, Sitop: “Frequenti e di difficile gestione”

Se ne parlerà durante il XXIV congresso nazionale della Società italiana di ortopedia e traumatologia…

28/09/2022

Vaccino anti-Covid, lo studio: “Tracce di Rna messaggero nel latte materno”

Ricercatori americani hanno osservato la presenza di mRna nel latte di mamme vaccinate entro sei…

28/09/2022

Coronavirus, Tar Emilia Romagna: “Corretta nuova sospensione del medico no vax non ancora vaccinato a 90 giorni dall’infezione”

L'ordinanza del Tribunale amministrativo regionale conferma la decisione di Omceo Bologna. Un'ordinanza del Tar Emilia…

28/09/2022