Tesi di Laurea - NeXT

La dott.ssa Farina presenta la tesi “Trapianto di rene: ruolo dell’infermiere nell’assistenza post-trapianto”

Grande successo per il nostro progetto editoriale denominato NeXT che permette ai neolaureati in medicina, infermieristica e a tutti i professionisti della sanità di poter pubblicare la propria tesi di laurea sul nostro portale. 

Sono numerose le tesi di laurea che quotidianamente arrivano all’attenzione della nostra redazione (redazione@nursetimes.org).

Advertisements

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, è diventato il punto di riferimento per tutte le professioni sanitarie.

Ogni pubblicazione su NurseTimes è spendibile nei concorsi e avvisi pubblici.

Gentile Direttore di NurseTimes,

mi chiamo Federica Farina, neolaureata in Infermieristica, presso l’Università degli Studi di Bari, sede Policlinico. Presento il mio progetto di ricerca sul ruolo assistenziale dell’infermiere nel post-trapianto di rene.

ABSTRACT

Background

Il trapianto di rene oggigiorno è riconosciuto come il trattamento sostitutivo d’elezione della malattia renale cronica terminale, garantendo così un miglioramento in termini di sopravvivenza e di qualità della vita, ma ciò predispone il paziente ad un maggior rischio di complicanze tardive, per cui è necessario che venga sottoposto ad un costante monitoraggio che viene eseguito mediante un programma di follow-up, che consta di visite di controllo a cadenza prefissata.

Materiali e metodi

L’obiettivo dello studio è valutare se gli interventi di educazione sanitaria e alla salute realizzati dall’infermiere dell’Ambulatorio di Nefrologia durante il programma di follow-up siano adeguati e ricercare eventuali criticità con lo scopo di migliorare l’assistenza infermieristica e conseguentemente il grado di aderenza e di compliance del paziente sottoposto a trapianto di rene. Lo studio è stato condotto presso l’Ambulatorio di Nefrologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico di Bari su di un campione di 182 pazienti e realizzato attraverso la somministrazione di un questionario autoprodotto.

Risultati

Dallo studio è emerso che analizzando le seguenti variabili, ovvero il tipo di trapianto a cui sono stati sottoposti i pazienti, il tempo trascorso dal trapianto, se le indicazioni terapeutiche, alimentari e di stile di vita fornite siano state adeguate, se siano a conoscenza del motivo  per cui debbano sottoporsi a tali visite, si distribuiscono in maniera significativamente diversa (p<0.05) tra i pazienti che presentano una buona adesione alla terapia ed i pazienti che, al contrario, presentano una scarsa adesione. Inoltre, i pazienti che ritengono di non avere avuto adeguate indicazioni terapeutiche, alimentari e di stile di vita hanno un rischio aumentato di avere una scarsa adesione terapeutica (OR: 6.245; IC95%: 2.017-19.33). Circa il tempo trascorso dal trapianto, i pazienti che hanno effettuato il trapianto tra 6 e 15 anni prima hanno rischio maggiore di avere una scarsa adesione ai consigli terapeutici (6-10 anni vs 1-5 anni OR: 2.906; IC95%: 1.096-7.70; 11-15 anni vs 1-5 anni OR: 4.802; IC95%: 1.432-16.11). Di contro, abbiamo osservato che chi si sottopone al trapianto in un tempo inferiore ad un anno o maggiore di 15 anni non condizione significativamente il rischio di avere una scarsa adesione terapeutica. Infine, i pazienti che affermano di non essere a conoscenza del motivo per cui debbano sottoporsi alle visite di controllo non condizionano significativamente il rischio di avere una scarsa adesione ai consigli terapeutici.

Conclusioni

Lo studio ha confermato che lo scarso grado di aderenza dei pazienti alle raccomandazioni terapeutiche, alimentari e degli stili di vita è correlato alle non adeguate informazioni che vengono trasmesse dall’infermiere per cui le criticità rilevate, mediante la somministrazione del questionario, forniscono utili informazioni fondamentali per avviare un progetto di miglioramento dell’assistenza infermieristica del follow-up.

Federica Farina

Tesi: Trapianto di rene: ruolo dell’infermiere nell’assistenza post-trapianto

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

San Giovanni Rotondo (Foggia), rara malattia neurologica diagnosticata a profugo ucraino

Yevstakhii Zelinskyi, per gli amici Stas, è ricoverato da cinque mesi all’Irccs Casa Sollievo della…

28/09/2022

Nursing Up: “Pronto soccorso italiani nel caos e infermieri costretti a navigare nella tempesta”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a cura del sindacato. "Siamo alle prese con un…

28/09/2022

Colesterolo, un killer silenzioso: il 40% degli italiani lo sottovaluta

Lo evidenzia una ricerca di Sanofi e SWG sulla percezione delle malattie cardiovascolari. Silenzioso, invisibile…

28/09/2022

Malattie infettive in ortopedia, Sitop: “Frequenti e di difficile gestione”

Se ne parlerà durante il XXIV congresso nazionale della Società italiana di ortopedia e traumatologia…

28/09/2022

Vaccino anti-Covid, lo studio: “Tracce di Rna messaggero nel latte materno”

Ricercatori americani hanno osservato la presenza di mRna nel latte di mamme vaccinate entro sei…

28/09/2022

Coronavirus, Tar Emilia Romagna: “Corretta nuova sospensione del medico no vax non ancora vaccinato a 90 giorni dall’infezione”

L'ordinanza del Tribunale amministrativo regionale conferma la decisione di Omceo Bologna. Un'ordinanza del Tar Emilia…

28/09/2022