Infermieri

Infermiere di famiglia, Costa promette: “Sarà figura di riferimento”

Il sottosegretario alla Salute annuncia la volontà di allineare l’offerta formativa al fabbisogno di professionisti.

«Nell’ambito del nuovo modello organizzativo della rete di assistenza sanitaria territoriale previsto dalla Missione 6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza emerge in modo significativo il ruolo dell’infermiere di famiglia e comunità, impegnato a promuovere proattivamente il contatto con la persona che presenta un bisogno di salute nell’ambito della comunità in cui opera e a fornire prestazioni assistenziali in ambito ambulatoriale, domiciliare e a livello comunitario». Così il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, rispondendo a una domanda della deputata Elena Carnevali in Commissione Affari sociali alla Camera.

«Sarà una delle figure professionali di riferimento – ha promesso Costa – e assicurerà l’assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità, perseguendo l’integrazione interdisciplinare, sanitaria e sociale dei servizi, interagendo con le reti sociosanitarie, con le risorse della comunità (associazioni, volontariato, ecc.) e dei professionisti. Anche per questa ragione ribadisco il massimo impegno del ministero della Salute allo scopo di allineare l’offerta formativa al fabbisogno espresso, anche tenuto conto della prossima riforma della assistenza territoriale».

Il sottosegretario ha ricordato come negli ultimi quattro anni il numero dei posti per il corso di Professioni sanitarie all’università sia cresciuto di 20 punti percentuali, facendo registrare l’aumento maggiore nel 2021/22 con 17.394 unità. D’altra parte «il fabbisogno espresso dalle Regioni, ai sensi dell’articolo 6-ter del decreto legislativo n. 502/1992, determinato con specifici Accordi Stato-Regioni, è aumentato di oltre 67 punti percentuali», ha spiegato. Aumento dovuto, seppur progressivo rispetto agli anni precedenti, alle esigenze che la pandemia ha reso ancora più chiare.

E ancora: «Mentre dall’a.a. 2017/2018 all’a.a. 2020/2021 il numero di posti definiti in base ai decreti del Mur, pari all’intera capacità formativa degli atenei, è stato sempre superiore al fabbisogno espresso dalle Regioni, per il corrente anno accademico la capacità formativa delle università non si è rivelata sufficiente a

coprire interamente il fabbisogno determinato con l’Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano del 4 agosto 2021. A fronte di un fabbisogno espresso pari a 23.498 unità i posti disponibili, in ragione della capacità formativa degli atenei, sono stati pari a 17.394 unità (con una differenza, tra fabbisogno e posti, pari a 6.104 unità)».

Da qui la costituzione con il ministero dell’Universita e della Ricerca (Mur) di un tavolo che coinvolge le Federazioni degli Ordini della professioni sanitarie, i rappresentati regionali e i presidenti dei corsi di laurea corrispondenti: «La metodologia previsionale elaborata dal ministero della Salute per la stima del fabbisogno formativo di professionisti sanitari nel lungo periodo sarà alla base dei lavori del tavolo, allo scopo di allineare l’offerta formativa al fabbisogno espresso, anche nell’ottica di una diversa allocazione delle risorse tra corsi di laurea. Nelle more del costituendo Osservatorio delle professioni sanitarie le associazioni di categoria potranno formulare le istanze e le proposte che riterranno opportune in vista della determinazione del fabbisogno per l’anno accademico 2022/2023».

Sulla necessità di mantenere un accesso programmato, nonostante l’aumento del fabbisogno, Costa ha affermato: «La ratio si fonda sulla necessità di garantire una formazione di qualità agli ammessi che consenta di seguire i corsi, usufruendo di spazi laboratoriali, attrezzature adeguate anche sulla base della sussistenza di convenzioni con strutture ospedaliere, e nel rispetto di tutti gli altri criteri e delle norme che regolano l’accreditamento delle istituzioni della formazione superiore».

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Olio di oliva: dimostrato l’effetto antimicrobico

Uno studio condotto dall'Università di Sassari ne ha evidenziato la capacità di ridurre l'azione dei…

26/11/2021

Tesi infermieristica: Analisi del piano terapeutico Kaftrio in pazienti affetti da Fibrosi Cistica

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

26/11/2021

Ulcera gastrica: sintomi e possibili rimedi

Rilanciamo un approfondimento sul tema a cura di Humanitas Salute. L’ulcera gastrica è una condizione patologica…

26/11/2021

Alimentazione, Coldiretti stila la “black list” dei cibi importati più pericolosi

In cima alla classifica dei prodotti più contaminati figurano i semi di sesamo provenienti dall'India.…

26/11/2021

Dermatite atopica: sollievo prolungato grazie ad asivatrep in crema

Uno studio coreano ha evidenziato una diminuzione di sintomi come lesioni cutanee e prurito. Il…

26/11/2021

Piede diabetico: una soluzione dalla medicina rigenerativa

L'argomento è al centro del III Corso avanzato in Medicina-chirurgia rigenerativa polispecialistica organizzato dalla SIMCRI…

26/11/2021