Normative

Infermiera di Terni sarà risarcita per i tempi di vestizione

Il Tribunale di Terni con la sentenza n. 289/2021 dovrà risarcire un’infermiera dell’Azienda Ospedaliera “Santa Maria”. La sentenza che  avrà effetti diretti sulla ricorrente, riguarda circa 9.000 turnisti umbri.

È dal lontano 2007 la UILFPL di Terni intraprese una battaglia al fianco di infermieri, operatori socio-sanitari e tecnici della sanità; il tempo di vestizione-svestizione doveva essere retribuito. Il Giudice del Lavoro di Orvieto, a suo tempo, appoggiò tale richiesta, ma l’ASL Umbria 2, secondo una nota di UILFPL, riuscì, nel 2012, a ribaltare la situazione: la Corte di Appello di Perugia, infatti, riformò la Sentenza di Orvieto. La UILFPL tuttavia non si arrese, e si spinse fino alla Corte Suprema di Cassazione.

Dalla sentenza 3901/ 2019 della Corte Suprema di Cassazione si apprende che “in materia di orario di lavoro, nell’ambito dell’attività infermieristica, il tempo di vestizione-svestizione dà diritto alla retribuzione, trattandosi di un obbligo imposto dalle superiori esigenze di sicurezza ed igiene, riguardanti sia la gestione del servizio pubblico sia la stessa incolumità del personale addetto”.

Il pronunciamento della Corte Suprema di Cassazione, di fatto, si dimostrava favorevole ai lavoratori, e alle tesi di UILFPL.

“Le Aziende ritenevano che il diritto fosse insussistente”

“Così – afferma Gino Venturi, Segretario Generale UILFPL di Terni – nel 2020 la UILFPL tentò soluzioni conciliative con l’Azienda ASL Umbria 2 e il ‘Santa Maria’ di Terni, presso l’Ispettorato del Lavoro”. Nessuna risposta positiva, in

tal senso, sarebbe mai pervenuta. “Le Aziende – continua Venturi – ritenevano che il diritto fosse insussistente“. Pertanto, tramite l’avvocato Maurizio D’Ammando, vennero incardinate cause in diversi Tribunali dell’Umbria.

Secondo il Tribunale di Terni il “Santa Maria” deve riconoscere 3.876 euro all’infermiera. L’Azienda Ospedaliera, inoltre, provvederà anche a saldare le spese legali della controparte.

Adesso – sostiene il Segretario Generale UILFPL di Terni – è importante che ciascun lavoratore avvii la propria procedura per bloccare la prescrizione quinquennale”, dal momento che “l’indennità del cambio di divisa”, riguarderebbe gli ultimi cinque anni “a partire dal momento in cui presentiamo la sentenza o la richiesta di conciliazione”. 

Così moltiplicando per novemila potenziali richiedenti l’importo che il “Santa Maria” di Terni è tenuto a saldare, secondo i calcoli di UILFPL, è di decine di milioni di euro.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Riforma medicina generale, Fimmg replica alle Regioni: “Non vogliamo diventare dipendenti statali”

Il sindacato ha diffuso un documento nel quale difende la convenzione e punta sui "microteam…

2 minuti ago

AIFEC “Infermiere di famiglia figura ancillare al medico” in Lombarda. E la FNOPI?

L'AIFEC (Associazione Infermieri di Famiglia e Comunità) scrive ai vertici della regione Lombardia, agli Ordini…

20 ore ago

In prima linea nella guerra contro il Covid-19: due infermieri spezzini nominati Cavalieri della Repubblica

Due infermieri spezzini e due medici impegnati in prima linea nella lotta al Coronavirus sono…

21 ore ago

CIVES è da ora una Società Scientifica

Il Ministero della Salute, con determina del 23 Settembre 2021, ha inserito ufficialmente nell’elenco delle…

21 ore ago

Covid, medico vaccinato muore a 35 anni: Gigi lascia la compagna incinta di 3 mesi

Era intubato da giorni al Gemelli, è morto nei giorni scorsi intorno alle 14.00 È…

21 ore ago

Blocco delle assunzioni in sanità, Nursind proclama lo stato di agitazione: “In Toscana mancano 3mila infermieri”

Il sindacato degli infermieri si scaglia contro il presidente Giani: "Si ostina a rifiutare lo…

22 ore ago