Piemonte

Nursing Up – Pronti a confronto con la Regione sugli incentivi in sanità.

Pronti a confrontarci sulla nuova ripartizione da 55 milioni proposta dalla Regione per gli incentivi in sanità. La ripartizione va discussa a partire dall’inizio emergenza coronavirus e ben oltre il 25% del personale

Abbiamo appreso dalle dichiarazioni della Giunta Regionale rese in mattinata che è intenzione della regione destinare la cifra di 55 milioni (18 milioni di fondi statali e 37 di fondi regionali) come incentivo al personale sanitario impegnato in questi mesi nella lotta al coronavirus. Tale cifra verrà ripartita, come ha spiegato la Regione, secondo gli accordi presi con i sindacati in una riunione che si terrà giovedì 30 aprile.

Il Nursing Up, sindacato degli Infermieri e delle professioni sanitariesottolinea che parteciperà in modo costruttivo alla riunione, ribadendo però che si dovrà partire a discutere di incentivi dall’inizio dell’emergenza coronavirus e la percentuale del 25% di tutto il personale sanitario, dirigenza medica compresa, su cui spalmare l’incentivo, che ci era stata prospettata il 21 aprile è troppo bassa e irricevibile.

Tale percentuale, infatti, come dicemmo all’assessore Icardi che la propose nell’ultima riunione, non è rappresentativa di chi ha operato in grande difficoltà in tutti i settori della sanità, non coprendo, a ben vedere, nemmeno il numero di infermieri e professionisti che si trovano in prima linea a combattere il virus.

Spiega il Segretario Regionale Piemonte e Valle d’Aosta del Nursing UP, Claudio Delli Carri: “Rileviamo

il passo avanti fatto dalla Regione, come avevamo auspicato, sull’aumento della cifra di incentivo dai 18 milioni iniziali, fino agli attuali 55, nella speranza che si tratti di fondi subito erogabili e utilizzabili.

“In ogni caso, e lo ribadiremo giovedì, non potrà essere riproposta la base del 25%, prospettata nell’ultima riunione, di tutto il personale sanitario come indirizzo per la ripartizione. Infatti, tale percentuale, come provammo a spiegare all’assessore Icardi, prima che abbandonasse la riunione del 21 aprile, è drasticamente bassa e non copre nemmeno il numero di coloro che effettivamente sono impegnati in prima linea nella lotta al virus.

Va individuata, invece, la giusta ripartizione per venire incontro a tutti i lavoratori, infermieri e professionisti della sanità, che hanno e stanno dando tutto nella lotta al coronavirus, in diversi ruoli. E va ribadito che la discussione dagli incentivi deve partire da quando ha avuto inizio l’emergenza coronavirus.

Noi, in modo costruttivo, siamo pronti a condividere un piano di ripartizione adeguato e coerente, garantendo come sempre la massima disponibilità al dialogo che speriamo venga contraccambiata”.      

Il Segretario Regionale

Nursing Up Piemonte e Valle d’Aosta

Claudio Delli Carri

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times
Tags: Nursing Up

Recent Posts

New York, linea dura contro i sanitari no vax: licenziamento e niente sussidio di disoccupazione

Medici e infermieri della Grande Mela che non si sono vaccinati con almeno una dose…

28/09/2021

Progetto cassia: telemonitoraggio smart di pazienti a rischio post ictus, testato durante il lockdown 2020

Presentato a Trieste Next il sistema di telemonitoraggio elaborato con il progetto Cassia utile durante…

28/09/2021

Niente dose di metadone: tossicodipendente vandalizza l’auto di un infermiere

E' accaduto nella cittadina sarda di Guspini. L'aggressore è stato denunciato per danneggiamento e minaccia.…

28/09/2021

Vamping: la “droga” notturna dei giovani. Omceo Venezia lancia l’allarme

Stando a unio studio condotto su 367 studenti di una scuola superiore di Conegliano, gli…

28/09/2021

Coronavirus, una famiglia di infermieri in prima linea: Mattarella premia 4 fratelli

Stefania, Maria, Valerio e Raffaele Mautone hanno ricevuto l’onorificenza del Cavalierato della Presidenza della Repubblica.…

28/09/2021

Covid, 22 morti in 2 Rsa nel Potentino: rinvio a giudizio per tre persone

Le persone coinvolte, che gestivano e dirigevano le due strutture di Marsicovetere e Brienza, sono…

28/09/2021