Notizie primo piano

Il ruolo del microbioma intestinale nel recupero dall’ictus

Un nuovo studio rivela la possibilità di un migliramento grazie agli acidi grassi a catena corta.

Il microbioma intestinale, ossia l’insieme di microrganismi che vivono nel nostro intestino, è stato oggetto di un un nuovo studio che conferma quanto possa risultare determinante anche in altre aree del corpo. Nel relativo articolo, pubblicato sul Journal of Neuroscience, si precisa come il microbioma intestinale possa proteggere le cellule del cervello dai danni causati dalle infiammazione a seguito di ictus.

Secondo i ricercatori, sarebbero gli acidi grassi a catena corta i responsabili del miglioramento a seguito dell’ictus. Questi grassi sono prodotti proprio dai batteri presenti nell’intestino e sono uno dei componenti base della salute dell’intestino stesso. Questo è uno dei primi studi che esplora il collegamento tra il microbioma intestinale e l’ictus, sebbene fosse già noto che i microbi nell’intestino possono influenzare la salute del cervello.

Secondo Ann Stowe, ricercatrice del Dipartimento di Neurologia dell’Università del Kentucky e autrice dello studio, il microbioma può influenzare la neuroinfiammazione a seguito di una lesione del cervello, e ciò è dimostrato dagli esperimenti che lei insieme ai colleghi ha

svolto sui topi. I roditori che bevevano acqua a cui gli scienziati avevano aggiunto acidi grassi a catena corta mostravano infatti, nei confronti dei topi del gruppo di controllo, un recupero migliore dall’ictus.

Mostravano, in particolare, una compromissione motoria meno accentuata e una crescita maggiore dei dendriti delle cellule nervose, molto importanti per la memoria. Gli stessi topi trattati con gli acidi grassi a catena corta mostravano anche una maggiore quantità di geni collegati alla microglia, il complesso delle cellule immunitarie nel cervello. Secondo i ricercatori, gli stessi acidi a catena corta fanno da messaggeri nel collegamento esistente tra l’intestino e il cervello, andando a influenzare, in questo caso positivamente, le modalità di ripresa dello stesso cervello delle lesioni.

A questo punto i ricercatori pensano già a un integratore alimentare a base di acidi grassi a catena corta come una terapia aggiuntiva, relativamente sicura, per la riabilitazione dei pazienti dal ictus.

Redazione Nurse Times

Fonte: Notiziescientifiche.it

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Mieloma multiplo, disponibili anche in Italia gli anticorpi farmaco-coniugati

GSK annuncia l'arrivo di belantamab mafodotin, una delle “armi” intelligenti contro la seconda neoplasia ematologica…

01/12/2021

Campobasso, nuova piattaforma interventistica guidata da immagini attiva al Gemelli Molise

Il dispositivo, chiamato Azurion, permette una visione più accurata, esponendo il paziente e il personale…

01/12/2021

Austria, pugno duro contro i no vax: multe salatissime in vista

Oltre all'obbligo vaccinale, che scatterà il 1° febbraio, il governo di Vienna intende introdurre sanzioni…

01/12/2021

Frosinone, detenuto simula suicidio e aggredisce infermiere

L'episodio, riferito dal segretario generale di Fns Cisl Lazio, è avvenuto in carcere. Dopo aver finto…

01/12/2021

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30 giorni. 107 infermieri ogni 24 ore si infettano»

Sanità, Nursing Up De Palma: «Sos contagi operatori sanitari: 3929 nuovi casi negli ultimi 30…

01/12/2021

Taranto: Delusione degli idonei al concorso per Operatori in Sanitaservice: sit-in di protesta dei sindacati

"IL LAVORO CONTESO" non è il titolo di un film ma è l'amara delusione dei…

01/12/2021