Genova

Genova: scoperti microchip e localizzatori GPS nei camici di Infermieri e Medici dell’Asl 3

La scoperta fatta da un dipendente dell'Asl 3 Genovese ha dell'incredibile: sarebbero stati rinvenuti microchip nascosti all'interno delle divise di ogni infermiere, nei camici di ogni medico e nelle divise indossate da ogni altro operatore

La scoperta fatta da un dipendente dell’Asl 3 Genovese ha dell’incredibile: sarebbero stati rinvenuti microchip nascosti all’interno delle divise di ogni infermiere, nei camici di ogni medico e nelle divise indossate da ogni altro operatore

Ogni dipendente della sanità ligure sarebbe quindi sorvegliato di nascosto. La scoperta è stata fatta casualmente da un rappresentante sindacale dell’ospedale Galliera di Genova.

Abbottonandosi il camice ha avvertito qualcosa nella cucitura. Una volta tagliata per verificare cosa fosse presente all’interno, ha scoperto la “cimice”. Si tratta di un localizzatore Gps.

Advertisements
Dopo la denuncia dell’accaduto i vertici dell’Asl si sono prontamente giustificati:

“E’ un modo per evitare che i capi si perdano dopo il lavaggio”.

Secondo i sindacati però si tratterebbe di una “grave violazione della privacy“.

Nessuno dei 22mila dipendenti della Sanità pubblica ligure era stato avvisato di questa novità riguardante tutti coloro che indossano una divisa, specializzandi e tirocinanti compresi.

I vertici ospedalieri proseguono: “Necessario per non perdere i capi. Il camice e il microchip identificano la persona, sono associati a quel dipendente – spiega Luigi Bottaro, direttore della Asl Tre Genovese – in modo che i capi, dopo essere stati lavati, tornino alla base di partenza, cioè ai proprietari. Per evitare, così, che possano finire ad altri”.

I Sindacati interpellati sulla questione parlano di “Violazione della privacy e rischio per la salute“.

Medici e Infermieri liguri non sembrano lasciarsi convincere dalla spiegazione fornita.

Secondo la maggior parte degli interessati si tratterebbe di un controllo fuorilegge sul posto di lavoro. I dipendenti temono che il dispositivo possa costituire un rischio per la salute.
È stato sottolineato in una lettera inviata ai vertici ospedalieri, come alcuni dipendenti potrebbero indossare contemporaneamente tre differenti Gps, uno nella camicia, uno nei pantaloni, l’altro nella giacca.

Simone Gussoni

Fonti: TgCom24

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

La dott.ssa Lacerenza presenta la tesi “Donazione di organi a cuore fermo, anche un webinar può salvare VITE”

NurseTimes unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri, quotidiano…

06/12/2021

CEPAS certifica insieme ad A.I.C.O. le competenze degli Infermieri di Camera Operatoria

Accordo fra CEPAS (Bureau Veritas) e A.I.C.O. Valorizzata la professionalità d’eccellenza su tutto il territorio…

06/12/2021

Concorso infermieri Puglia: ecco le nostre previsioni

Buone notizie per i 4.282 gli infermieri che hanno superato la prova orale del concorsone…

06/12/2021

Nanotecnologie e neuroscienze per lo sviluppo di protesi ottiche: sinapsi ibrida per curare le distrofie retiniche

Coordinato da IIT, il progetto HyVIS conta su un finanziamento Ue pari a 3 milioni…

06/12/2021

Gli infermieri che combattono eroicamente contro il Covid-19 saranno nel presepe fiorentino anche quest’anno

Anche quest’anno gli infermieri che combattono contro il Coronavirus saranno protagonisti dei presepi fiorentini. Firenze,…

06/12/2021

Roma, eseguito impianto di cellule staminali autologhe su ragazzo affetto da cecità monolaterale

L’Azienda Ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma è, ad oggi, l’unica struttura pubblica del Ssn…

06/12/2021