Genova, il Green Pass stanerà i “furbetti del vaccino”. Ma come sostituirli?

Salvatore Giuffrida, direttore generale del Policlinico San Martino, lancia l’allarme. E svela che molti controlli sarebbero stati elusi prendendo tempo con prenotazioni di un vaccino mai ricevuto, oppure con raccomandate mai ritirate e lasciate in giacenza per mesi.

«I numeri ufficiali dei no vax non sono cambiati, ma sono preoccupato per quello che accadrà dopo il 15 ottobre, quando entrerà in funzione il Green pass. Sono sicuro che si scopriranno infermieri che non sono vaccinati e per i quali ancora non abbiamo ricevuto la lettera della Asl. Conosco già alcuni casi concreti». A lanciare l’allarme è Salvatore Giuffrida, direttore generale del Policlinico San Martino di Genova, intervistato dal Secolo XIX.

Advertisements

Quello dei “furbetti del vaccino” è un fenomeno da non sototvalutare, poiché non sono pochi gli operatori sanitari che eludono i controlli. La realtà descritta da Giuffrida sarà lo stesso Green Pass a svelarla, scoprendo chi è sfuggito alle sospensioni derivanti dalla mancata vaccinazione anti-Covid. La questione, però, è legata ai tempi, perché chi sarà beccato lo sarà nel giro di pochi giorni, con ripercussioni inevitabili sugli standard ospedalieri. Meno personale, infatti, significa meno posti letto, calcolati proprio in base agli infermieri in servizio.

In Liguria i sanitari sospesi sono 188, di cui 39 solo al San Martino. «Oltre ai sospesi – spiega Giuffrida –, ho dovuto ricollocare anche 24 persone che non possono ricevere i vaccini per motivi di salute. Il problema organizzativo che mi devo porre non è chi ha diritto allo stipendio e chi non lo prende, ma come posso andare avanti con 63 persone in meno in una situazione di partenza che era già difficile. E se i 63 dovessero diventare 150 con i casi svelati dal Green Pass? Trovare soluzioni sarebbe difficile».

Giuffrida aggiunge che in molti casi i controlli sarebbero stati elusi prendendo tempo con (finte) prenotazioni di un vaccino mai ricevuto, oppure con raccomandate mai ritirate e lasciate in giacenza per mesi. «I controlli sono stati molto impegnativi – conclude il direttore –. Hanno impegnato forze e tempo distolti da attività che dovrebbero essere più importanti. Il Green Pass svelerà nel giro di poche ore chi non è vaccinato. E sarà un problema».

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Chiara “perché la Asl Foggia chiama gli idonei e non procede con le stabilizzazioni degli infermieri precari?”

Gentil direttore di NurseTimes,le scrivo da infermiera idonea, ma precaria, del famoso concorso pubblico pugliese.…

29/09/2022

Virus respiratorio sinciziale: parere positivo dell’Ema su nuova terapia

Si tratta di un anticorpo monoclonale specifico che, se approvato in via definitiva, potrà essere…

29/09/2022

Trasfusioni, i testimoni di Geova hanno il diritto di rifiutarle? L’opinione di un esperto

Pasquale Giuseppe Macrì, primario di medicina legale dell’Asl Toscana Sud Est, all'agenzia Dire: "Si tratta…

29/09/2022

Come eseguire una medicazione del C.I.CC., P.I.C.C., F.I.C.C. Midline e catetere venoso centrale

Con la pubblicazione nel 2011 delle Guidelines for the Prevention of Intravascular Catheter-Related Infections i…

29/09/2022

Medicina, riformata la prova d’accesso: via libera al TOLC (Test OnLine Cisia)

Per l'anno accademico 2023-2024 l'ammissione (anche a Odontoiatria e Veterinaria) avverrà dopo il superamento del…

29/09/2022

L’ex infermiera Licia Ronzulli nuovo ministro della Salute? A qualcuno non piace

Tra gli estimatori di Roberto Speranza, ma pure tra i sostenitori di Giorgia Meloni, non…

29/09/2022