Gemona del Friuli, no vax rallentano l’attività dell’hub vaccinale. Polemiche per lo sfogo social di Clarizia (Opi Pordenone)

“Ora basta, identifichiamoli e non curiamoli quando avranno bisogno dell’ospedale”, ha scritto su Facebook il presidente dell’Ordine. Per poi correggere il tiro: ” Curerò sempre chiunque, ma l’episodio mi era sembrato così grave che ho avuto una reazione immediata”.

E’ di qualche giorno fa la notizia di un increscioso episodio avvenuto al polo vaccinale di Gemona del Friuli (Udine), dove un centinaio di no vax si erano messi in fila, rifiutando poi la dose con l’obiettivo di rallentare l’attività di immunizzazione. “Ora basta, identifichiamoli e non curiamoli quando avranno bisogno dell’ospedale”, ha commentato Luciano Clarizia (foto), presidente di Opi Pordenone, in un duro post su Facebook. Un commento che ha suscitato non poche reazioni polemiche.

Advertisements

“È chiaro che quelle parole – ha spiegato lo stesso Clarizia – volevano essere soltanto una provocazione, un modo per sottolineare quanto sbagliato e irrispettoso fosse quel comportamento in questo drammatico momento. È stato uno sfogo. Quando ho visto quella notizia ho pensato che molte persone che volevano fare il vaccino, e che hanno magari la necessità immediata, subivano un ritardo e un disagio. Ho pensato ai miei colleghi infermieri che in quel momento stavano vaccinando, fuori dal loro orario di lavoro e magari in un giorno di riposo, come ormai avviene normalmente, vista la carenza di personale”

.

E ancora: “Figuriamoci se non conosco i nostri doveri e il nostro Codice deontologico: tutti vanno sempre curati senza alcuna distinzione. Curerò sempre chiunque, ma l’episodio mi era sembrato così grave e assurdo che ho avuto una reazione immediata. Spero che la provocazione faccia discutere su queste situazioni gravissime, sulle quali le autorità ipotizzano il reato di interruzione di pubblico servizio. Da oltre un anno infermieri e medici continuano a operare nei poli vaccinali oltre il loro orario di servizio e nelle giornate di riposo per poter garantire le vaccinazioni. Ed è sempre più difficile vista la carenza di personale. Gli operatori che curano i no vax sono spesso frustrati, perché in alcuni casi i pazienti non accettano le cure e continuano a negare gli effetti della malattia”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Congresso Nazionale Fials: il sindacato lancia il movimento “Mai più Solo Eroi”

Carbone: Riempiremo le piazze devolvendo l’1% della quota di iscrizione per rimborsare i professionisti nelle…

16/05/2022

Tesi di laurea sull’assistenza infermieristica al paziente con delirium prima e durante la pandemia da COVID-19

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

16/05/2022

PSA (Antigene Prostatico Specifico) alto nel sangue: cos’è e come interpretare gli esami

Il test (o dosaggio) del PSA (Antigene Prostatico Specifico) è prescritto agli uomini per scoprire…

16/05/2022

Orbassano, scoperta nuova variante dell’emoglobina

L'identificazione è avvenuta grazie alla collaborazione tra il Centro Microcitemie e il Laboratorio analisi cliniche…

16/05/2022

Parkinson, intervento all’avanguardia di stimolazione cerebrale profonda eseguito al Policlinico Gemelli

Neuronavigatore, stimolatore innovativo, elettrocateteri direzionali, software per la verifica del posizionamento degli elettrodi: le strumentazioni…

16/05/2022

Linfomi non-Hodgkin, studio rivela efficacia di nuovo farmaco orale

Si chiama Zanubrutinib e ha prodotto ottimi risultati soprattutto nei pazienti con linfoma della zona marginale:…

16/05/2022