Decessi in corsia a Lugo, perizia sembra inchiodare l’infermiera: “Almeno il triplo quando lei era di turno”

Nuova tegola processuale per l’imputata Daniela Poggiali, attualmente in carcere per l’accusa di omicidio volontario.

Il numero di pazienti deceduti durante il turno di Daniela Poggiali (foto) era maggiore rispetto al solito? A questo quesito ha risposto Alessio Fracomeni, professore dell’Università Tor Vergata di Roma, incaricato dalla Corte d’Assise d’appello di Bologna per il processo ter che vede imputata l’ex infermiera di Lugo di Romagna (Ravenna) per la morte della 78enne Rosa Calderoni, deceduta l’8 aprile 2014. Assassinata, secondo l’accusa, con dosi di potassio. La risposta è inquietante: confrontando Daniela Poggiali con le altre infermiere del reparto di Medicina dell’ospedale di Lugo con le stesse caratteristiche di turno e orari, emerge che il tasso di mortalità in corsia quando lei era in servizio era tra le tre e le cinque volte superiore rispetto alla media.

Advertisements

La perizia rivela che lo stesso risultato emerge anche usando metodologie di analisi diverse. L’esperto, come riportato dal Corriere di Romagna, sottolinea “una sostanziale associazione positiva tra il tasso di mortalità registrato e lo stato in servizio dell’imputata”. Evidenzia inoltre che nell’ultimo semestre, in particolare intorno al dicembre 2013, ci sia stata un’impennata nei morti che porta a quantificare per la Poggiali “un numero di decessi circa il quadruplo rispetto a quello atteso per il resto del personale sanitario considerato”. Lo si nota soprattutto nei turni mattutini. “Di notte, stranamente, no. Ed è una cosa che mi ha colpito”, dice il perito in aula, senza però trovare una spiegazione statistica. “E’ l’unico campo d’indagine in cui c’è un appiattimento – nota il presidente -. Non può essere che gli infermieri dormicchiano e i morti della notte vengano constatati la mattina?”.

La stessa Corte di Cassazione, annullando per la seconda volta l’assoluzione dell’ex infermiera in Appello, aveva chiesto che i giudici prendessero in considerazione l’esito della consulenza affidata dalla Procura al professor Rocco Micciolo

e al medico legale Franco Tagliaro. Uno studio che aveva a suo tempo riportato numeri precisi: sui 191 decessi totali, 139 sono avvenuti nel settore della Poggiali e in quello comunicante, a fronte dei 52 negli altri due non comunicanti, con un picco di 16 decessi a settimana durante i turni della 48enne, contro la media di 4,7 dei colleghi. Risultati in linea con la nuova perizia.

La difesa, però, non ci sta e si rifà alle conclusioni della consulente Julia Mortera. “Fattori non misurabili e ignoti”, insistono, non possono portare a interpretazioni causali. Inoltre vengono riportati tassi di mortalità dei reparti di Medicina di Faenza e Ravenna, “sovrapponibili a quelli di Lugo”. L’imputata, intanto, si trova in custodia cautelare in carcere dopo la condanna a 30 anni, ricevuta in primo grado a dicembre scorso in abbreviato per l’omicidio di un suo paziente, il 95enne Massimo Montanari, morto il 12 marzo 2014 all’ospedale di Lugo. Questo processo in appello porterà a due sentenze il 25 ottobre. I giudici dovranno tenere conto della nuova perizia in entrambi i processi.

Redazione Nurse Times

Fonte: la Repubblica

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Super oss in Veneto: via libera al nuovo percorso formativo

Prevista una formazione di 400 ore al costo di 700 euro pro capite. Saranno formati…

23/05/2022

Speranza: “Precari della pandemia saranno in gran parte stabilizzati”

Così il ministro della Salute, che durante l'ultimo question time alla Camera ha parlato anche…

23/05/2022

D.M. 71/22 e questione infermieristica

Con la pubblicazione del D.M. 71/22 recante norme sulla la riforma dell’assistenza territoriale ispirata dal…

22/05/2022

Pianificazione e programmazione dei trattamenti in un Day Hospital di Oncologia: ruolo dell’infermiere

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

22/05/2022

Rovigo: Paziente azzanna il dito dell’infermiere quasi fino a staccarlo

La donna che sembrava tranquilla e quindi non era indicata nessuna contenzione ha letteralmente azzannato a…

22/05/2022

Medici e infermieri uscivano in orario di lavoro per fare una passeggiata o gite al mare: 90 gli indagati a Roma 

Sono quasi 90 tra medici e infermieri gli indagati agli Istituti Fisioterapici Ospitalieri (Ifo) di…

22/05/2022