Coronavirus, Rossi (Omceo Milano): “Stato risarcisca i famigliari dei sanitari deceduti”

Il presidente dell’Ordine meneghino precisa anche la cifra: “100mila euro”.

“A fronte di tutte le manchevolezze di cui si è macchiato durante l’emergenza sanitaria, il Governo non se la può cavare con una pacca sulla spalla. Lo Stato deve risarcire con cifre adeguate i famigliari degli operatori sanitari deceduti a causa del Covid e dare un indennizzo serio a quelli che si sono ammalati gravemente”. Così, in un’inetervista rilasciata al quotidiano Libero, Roberto Carlo Rossi, che dal 2012 presiede l’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri di Milano ed è anche a capo del Sindacato nazionale autonomo medici italiani della Lombardia.

“Abbiamo pagato un tributo altissimo al virus: non avevamo neanche le mascherine, e la colpa non è certo nostra – continua Rossi –. In certi momenti la catena di comando è stata schizoide: un giorno il Governo diceva una cosa e il giorno dopo un’altra. A livello centrale veniva emanata una direttiva, e le Regioni procedevano in modo diverso. A marzo abbiamo lavorato nel caos più totale. I medici e il personale sanitario non avevano abbastanza dispositivi di protezione individuale. In Italia il 12-13% dei contagiati sono medici, infermieri e operatori del settore. È una percentuale enorme rispetto ad altre nazioni. Non parlo della Cina, perché non si sa quali siano i numeri reali, ma il raffronto con la Germania è impietoso: lì la percentuale è vicina allo zero”.

Da qui la richiesta di un risarcimento per i famigliari dei deceduti: “100mila euro. E’ una sciocchezza, me ne rendo conto, ma quantomeno sarebbe un segnale tangibile da parte dello Stato. Si tenga presente che tantissimi colleghi hanno subito danni permanenti: chi ha avuto una polmonite interstiziale doppia, anche se fortunatamente se l’è cavata, non starà molto bene tra una decina d’anni, con una fibrosi polmonare”

. Per loro la richiesta è di “qualche centinaio di euro al mese, secondo le tabelle pensionistiche di guerra”, dice ancor Rossi, che aggiunge: “Abbiamo scritto al presidente del Consiglio, al ministro della Salute e ai presidenti di Camera e Senato”, facendo riferimento alla Legge 210 del 1992, che impone di risarcire i soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile dovute a vaccinazioni obbligatorie o trasfusioni.

“Si sapeva da tempo della circolazione di questi virus – prosegue Rossi -. Si conoscevano la Sars-1, la Mers, l’H1N1. Prima del Covid ci sono stati altri virus che potevano dar vita a una pandemia. Eppure, dopo anni, nei nostri ospedali e nelle strutture sanitarie sono mancate le mascherine. C’era tutto il tempo di prepararsi”.

Infine, oltre alla questione dei risarcimenti, c’è quella dei bonus: “L’Enpam (l’Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri, ndr) ha messo a disposizione 1.000 euro per i liberi professionisti che hanno avuto un calo del fatturato. Poi c’è il bonus di 600 euro per il personale sanitario contagiato. Si tratta di una somma una tantum. La verità è che chi ci ha chiamato ‘eroi’, oltre ad aver speso tante belle parole, non ha fatto niente”.

Redazione Nurse Times

Aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia in Italia

Aiutateci ad aiutarvi

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Sanità nel caos: le ortottiste potranno strumentare in sala operatoria al posto degli infermieri

Con una nota del 12 febbraio u.s la Presidente della Commissione d’albo nazionale degli Ortottisti…

12 ore ago

Algoritmo musicale migliora il sonno dei bambini disabili

Euterpe, un algoritmo musicale, migliora il sonno dei bambini disabili. Lo studio è stato condotto…

13 ore ago

Polmonite da Covid-19: anakinra migliora i risultati clinici nei pazienti

Lo studio degli sperimentatori SAVE-MORE ha valutato l’effetto di anakinra su pazienti affetti da COVID-19 con…

13 ore ago

Mieloma multiplo: richiesta l’autorizzazione per un nuovo farmaco

Janssen ha annunciato di aver presentato all'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) la richiesta di…

14 ore ago

Chirurgia epatica in tre tempi dona un’altra opportunità di vita

Per la prima volta al mondo, a Pisa, è stata applicata la strategia chirurgica dell’epatectomia…

15 ore ago

Coronavirus, “Gusto e olfatto alterati in quasi il 10% dei pazienti guariti”

E' quanto spiega l'otorino Giulio Cesare Passali, intervistato da AdnKronos. L'alterazione nella qualità di gusto…

17 ore ago