Notizie primo piano

Coronavirus, Omceo Roma: “Rischio concreto di lockdown totale”

Il presidente Magi sottolinea come le festività natalizie abbiano “mischiato le carte” ed esprime solidarietà agli studenti: “Giusto che chiedano un ritorno a scuola in sicurezza”.

“Il Lazio sicuramente rischia l’arancione. Quanto a un eventuale ingresso in zona rossa, non possiamo escluderlo. In questo momento c’è un plateau lievemente in ascesa e abbiamo un aumento del numero dei ricoveri, per cui potrebbe anche accadere”. Così Antonio Magi (foto), presidente dell’Ordine dei medici di Roma, interpellato sul tema dall’agenzia Dire.

“Questa sarà la settimana decisiva – prosegue –, perché vedremo concretamente i risultati delle prime giornate di vacanza: se non ci siamo comportati bene, e questa è la mia preoccupazione, avremo un innalzamento della curva dei contagi. Speriamo di riuscire a mantenere un limite che ci permetta di non mettere in crisi il Servizio sanitario nazionale. Quanto alle terapie intensive, tutto sommato stanno reggendo, ma il punto è evitare di arrivare alla stessa situazione del mese di novembre. Per questo dobbiamo leggere i dati in prospettiva”.

Se nel giro di un mese le regioni dovessero poi risultare tutte arancioni o rosse, per il presidente dell’Ordine dei medici di Roma non ci sarebbe altra scelta se non il lockdown: “Questa è l’unica soluzione che ci ha permesso, anche nella prima fase, di risolvere la situazione. Non dimentichiamo che per le feste natalizie c’è stata nuovamente una certa migrazione da Nord a Sud e viceversa, per cui abbiamo di nuovo mischiato le carte. Speriamo bene”.

E in merito alla mobilitazione degli studenti di oltre 100 istituti scolastici di Roma e del Lazio, avvenuta ieri: “Non posso che essere d’accordo con gli studenti, che chiedono giustamente un rientro a scuola in sicurezza, in un momento in cui i contagi stanno peraltro aumentando. Questo è un problema che va tenuto in considerazione. Per quanto mi riguarda, finché non avremo una curva dei contagi che ci dia un’indicazione ben chiara, avrei rimandato l’apertura delle scuole a febbraio. Gli studenti sono i primi a voler essere sicuri e a voler stare tranquilli, quindi è giusto che chiedano certezze”.

E ancora: “In alcune scuole del Lazio la sicurezza è garantita, mentre in altre meno, quindi è necessario eliminare le disuguaglianze e rendere la situazione omogenea. Non possono esserci diversi sistemi di organizzazione tra istituto e istituto e tra territorio e territorio. Il problema sicurezza non riguarda solo ciò che accade dentro le scuole, ma anche e soprattutto ciò che ruota fuori, in primis con i mezzi di trasporto”.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Covid-19, quasi 50.000 nuovi casi in UK ieri. Sotto accusa la nuova variante AY.4.2

Quasi 50.000 contagi ieri, oltre 200 morti oggi, al picco da marzo per quanto appesantiti…

19/10/2021

Psoriasi, identificati i fattori di rischio che ne favoriscono la comparsa

Su Alleati per la Salute è stato pubblicato un focus riguardante i trigger che possono…

19/10/2021

Infertilità femminile: iniezioni di plasma concentrato per favorire la gravidanza

La soluzione arriva dalla medicina rigenerativa. Se ne discuterà al prossimo Congresso Giovani SIMCRI. La…

19/10/2021

Vergallo (Presidente AAROI) sull’emergenza-urgenza “ci sono situazioni in cui gli infermieri possono praticare farmaci salvavita, senza sostituirsi al medico”

“Ci sono sistemi di emergenza-urgenza, in regioni come la Lombardia, l’Emilia Romagna, il Veneto e…

19/10/2021

Alopecia e vitiligine: i nuovi orizzonti della fotoprotezione a basso impatto ambientale

Ne hanno parlato i dermatologi della SIDeMaST, riuniti in streaming al loro 95esimo Congresso. Formulazioni…

19/10/2021

Menopausa: nuova terapia basata su combinazione di due ormoni naturali

Il 17 beta estradiolo e il progesterone micronizzato hanno una struttura chimica identica a quella degli ormoni…

19/10/2021