? Speciale CoronaVirus ?

Coronavirus, Ema inserisce sindrome di Guillain-Barré tra effetti indesiderati del vaccino J&J

Pur sottolinenando la rarità dei casi, l’Agenzia europea per i medicinali mette in guardia operatori sanitari e persone che assumono il siero Janssen.

Dopo la Food and Drug Administration (Fda), anche l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha annuncuato che la sindrome di Guillain-Barré (GBS) sarà aggiunta alla lista degli effetti indesiderati con frequenza molto rara del vaccino anti-Covid Janssen (Johnson & Johnson). Nelle informazioni sul prodotto sarà pertanto inclusa un’avvertenza per sensibilizzare gli operatori sanitari e le persone si vaccinano.

Nel confermare che i benefici del vaccino Janssen continuano a superare i rischi, l’Ema sottolinea: “Sebbene casi di GBS dopo la vaccinazione con il vaccino Janssen siano stati segnalati molto raramente, in considerazione della gravità di questa condizione gli operatori sanitari devono prestare attenzione a segni e sintomi per consentire una diagnosi precoce, cure di supporto e trattamento. Si consiglia alle persone vaccinate di rivolgersi immediatamente a un medico se sviluppano segni e sintomi indicativi di GBS, come debolezza alle estremità, visione doppia o difficoltà a muovere gli occhi (vedi sotto per l’elenco dei sintomi)”.

La GBS è un raro disturbo neurologico in seguito al quale il sistema immunitario danneggia le cellule nervose, provocando dolore, intorpidimento e debolezza muscolare. Problematiche che possono progredire, nei casi più gravi, fino alla paralisi. La maggior parte delle persone, comunque, guarisce completamente.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Colpo di scena: l’ex infermiera Poggiali viene assolta e scarcerata

La Corte di assise di appello di Bologna ha assolto Daniela Poggiali, l'ex infermiera di…

25/10/2021

Ictus ischemico da fibrillazione atriale, dati indicativi di sicurezza per un avvio precoce di una terapia con anticoagulanti orali diretti

Iniziare una terapia con anticoagulanti orali diretti (DOAC) poco dopo un ictus ischemico acuto o…

25/10/2021

Covid, Vaccinati e non vaccinati: i dati Iss

Anche le persone vaccinate possono contrarre il coronavirus, ma il rischio che la malattia evolva…

25/10/2021

Green pass: Federfarma, minacce quando si eseguono tamponi

"C'è una minoranza di persone che quando viene a fare il tampone protesta e minaccia".…

25/10/2021

Aids: disponibile primo anticorpo monoclonale a lunga azione

ROMA, 22 OTT - E' disponibile in Italia il primo anticorpo monoclonale (ibalizumab) a lunga…

25/10/2021

Basilicata, via libera all’infermiere di famiglia e comunità: la soddisfazione di Opi Potenza

La presidente dell'Ordine potentino, Serafina Robertucci, commenta il parere favorevole espresso in Regione sulla proposta…

25/10/2021