? Speciale CoronaVirus ?

Coronavirus, “carte false” per il Green Pass o l’esonero dal vaccino: medici indagati a Roma e Genova

Un professionista della capitale e uno del capoluogo ligure sono finiti nel mirino delle rispettive Procure.

Quello dei Green Pass falsi è un fenomeno in costante e preoccupante crescita, specie in vista dell’obbligo relativo al certificato verde, che entrerà in vigore per tutti i lavoratori italiani il 15 ottobre. Segnalazioni in tal senso sono arrivate alle Procure di Roma e Genova, e riguardano due medici che avrebbero letteralmente fatto “carte false” per favorire alcuni pazienti. Ma andiamo con ordine.

Advertisements

A Roma è finito nel mirino della Procura un medico che, forse in cambio di soldi o favori, avrebbe agevolato l’acquisizione del Green Pass per un centinaio di pazienti, tra cui politici, imprenditori e personaggi dello spettacolo. In che modo? Inserendo patologie inesistenti nel database sanitario per garantire l’esonero dal vaccino anti-Covid, oppure certificando la falsa guarigione dall’infezione o l’avvenuta vaccinazione in Paesi esteri.

Il sistema della tessera sanitaria, infatti, non richiede documenti che confermino quanto dichiarato dai medici, rendendo così automatica l’acquisizione del Green Pass. L’inchiesta, partita da una segnalazione anonima, ha portato alla perquisizione dello studio e dell’abitazione del medico, indagato per falso. Tuttavia, il suo nome non sarebbe ancora stato segnalato né all’Ordine dei medici né all’Asl 1 Roma.

Quanto al caso di Genova, è noto anche il nome del professionista indagato dalla Procura. Si tratta di Roberto Santi

, noto nel capoluogo ligure per essere contrario all’obbligo del Green Pass. Non solo. In passato, sui suoi canali social, il medico aveva sostenuto che l’uso della mascherina provocherebbe ipercapnia, un eccessivo accumulo di anidride carbonica nel sangue, e aveva consigliato di curare il coronavirus con bagni caldi e vitamina C in endovena.

Nei suoi confronti l’Ordine dei medici ha aperto un procedimento disciplinare, il primo in Italia a prevedere una sanzione, che dovrebbe essere notificata nei prossimi giorni. Gli accertamenti della Procura, in fase preliminare, sono partiti dalle numerose segnalazioni in merito alla compilazione di certificati per attestare problemi di salute che impediscono non solo la vaccinazione, ma anche l’uso di mascherine. Certificazioni che il dottor Santi avrebbe rilasciato senza visite e dietro pagamento. Per lui potrebbe profilarsi l’accusa di falso in atto pubblico e falso materiale.

Redazione Nurse Times

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Coronavirus, via libera dell’Ema alla pillola Pfizer

Dall'Agenzia europea per i medicinali arriva la raccomandazione all'immissione in commercio di Paxlovid: "Benefici superiori…

28/01/2022

Nursing Up, vicenda infermieri e falsi vaccini “ferma condanna”

Sanità, Nursing Up De Palma: «Infermieri coinvolti nella recente vicenda di finte vaccinazioni a cittadini…

28/01/2022

Tesi “Indagine conoscitiva sull’assistenza infermieristica ricevuta dalle donne durante l’aborto”

NurseTimes è l’unica Testata Giornalistica Sanitaria Italiana (Reg. Trib. Bari n. 4 del 31/03/2015) gestita da Infermieri,…

28/01/2022

Sciopero in tutta Italia degli infermieri

Il nostro giornale seguirà la manifestazione raccogliendo le dichiarazioni del segretario nazionale del Nursind Andrea…

28/01/2022

Esenzione dal vaccino anti Covid per i sanitari: serve l’attestazione del medico

Il chiarimento di Opi Firenze - Pistoia sul tema Firenze, 27 gennaio 2022 – «Gli infermieri possono…

27/01/2022

No Vax offendono e minacciano due infermieri

ROMA, 27 GEN - "Le minacce al personale sanitario? Sono graffi sul cuore". Così il…

27/01/2022