Bimba di 6 mesi affetta da Sma salvata grazie a Zolgensma, il farmaco più costoso al mondo

All’ospedale pediatrico Santobono di Napoli, una bambina di meno di sei mesi con atrofia muscolare spinale (Sma) è stata sottoposta a una terapia genica – secondo quanto riferiscono fonti del nosocomio – estremamente innovativa, autorizzata in Europa a maggio scorso e in Italia il 17novembre.

E’ – riferiscono al Santobono – il primo trattamento di questo tipo effettuato nel nostro Paese.

   
L’atrofia muscolare spinale di Tipo 1 è una gravissima malattia genetica neuromuscolare, insorge subito dopo la nascita e causa una progressiva debolezza muscolare che compromette respirazione e deglutizione, causando la morte entro 2 anni.
Zolgensma cura l’atrofia muscolare spinale, una malattia mortale causata da un difetto genetico che indebolisce i muscoli di una persona fino al punto da renderla incapace di muoversi.

Il farmaco somministrato al Santobono di Napoli, considerato il più costoso al mondo – 1,9 milioni di euro per singolo trattamento – corregge il problema genetico, determinando la completa regressione della malattia. Questa terapia, infatti, si basa su un vettore virale reso inoffensivo e utilizzato come navetta per veicolare il gene umano mancante nelle cellule motorie del midollo spinale, permettendo di produrre la proteina mancante in questa malattia.

Dice Anna Maria Minicucci,

commissario straordinario dell’azienda Santobono Pausilipon “Ringrazio la Regione, il Servizio farmaceutico diretto da Ugo Trama e tutto il personale sanitario infermieristico ed amministrativo dell’azienda che si è impegnato per raggiungere questo importante risultato di cura ed innovazione per una grave malattia genetica.

Questo traguardo si aggiunge ai molti conseguiti in questi anni dall’Aorn Santobono Pausilipon di Napoli, consolidatasi ormai a pieno titolo tra le più importanti realtà sanitarie pediatriche italiane ed europee”.

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, dichiara: ‘un’altra straordinaria dimostrazione di eccellenza della Sanità campana.
 

Un lavoro di equipe ancora più significativo, se si considera l’età della bambina e la possibilità offerta dal Santobono di poter praticare, prima volta in Italia, una terapia all’avanguardia che ha portato alle dimissioni della piccola paziente. Desidero ringraziare la direzione strategica, i medici e tutto il personale del Santobono, per questo ulteriore grande risultato ottenuto’.

Redazione Nurse Times

Fonte: Ansa

Dott. Simone Gussoni

Il dott. Simone Gussoni è infermiere esperto in farmacovigilanza ed educazione sanitaria dal 2006. Autore del libro "Il Nursing Narrativo, nuovo approccio al paziente oncologico. Una testimonianza".

Leave a Comment
Share
Published by
Dott. Simone Gussoni

Recent Posts

Alla guida dell’ambulanza ci deve essere un autista soccorritore

Sebbene alla guida dell’ambulanza ci debba essere un autista soccorritore, in molti casi ci sono…

3 ore ago

AstraZeneca solo agli over 60, Pfizer o Moderna per il richiamo ai più giovani

A seguito di una "valutazione accurata, scrupolosa e meticolosa di tutte le evidenze di letteratura…

4 ore ago

Nuove patologie dopo il Covid riscontrate in 1 caso su 7

Almeno una nuova patologia che ha richiesto cure mediche durante la fase post-acuta della malattia…

4 ore ago

Protocollo vaccini Fnopi-Fofi: Nursing Up bacchetta la Federazione degli infermieri

De Palma: «Infermieri docenti dei farmacisti vaccinatori: una magra consolazione che acuisce il paradosso e…

8 ore ago

Gli infermieri cederanno le proprie competenze ai farmacisti grazie al protocollo firmato dalla Fnopi

C'è un protocollo d'intesa, appena siglato tra Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche e…

9 ore ago

Nella AUSL Toscana Sud Est il medico competente prescrive all’infermiera di fare l’OSS. L’Aadi fa ricorso

L’Associazione di Avvocatura di Diritto Infermieristico fa ricorso alla AUSL Toscana Sud Est, Presidio ospedaliero…

1 giorno ago