Angioplastica e imaging intracoronarico

Il Centro Cardiologico Monzino è primo in Europa e secondo nel mondo nel reclutamento dei pazienti dello studio internazionale ILUMIEN IV. Lo studio si propone di dimostrare in modo definitivo che le procedure di angioplastica più complesse, quelle che costituiscono l’alternativa al by-pass coronarico, sono più efficaci se guidate dalla tecnologia OCT (Optical Coherence Tomography o Tomografia a Coerenza Ottica).

“I risultati di ILUMIEN IV chiariranno in modo definitivo se l’impiego sistematico dell’imaging intracoronarico per ottimizzare le procedure di angioplastica migliori i risultati acuti e a distanza, riducendo gli eventi avversi quali morte e infarto e la necessità di nuove rivascolarizzazioni nel corso degli anni” dichiara Franco Fabbiocchi, Responsabile dell’Unità Operativa di Cardiologia Interventistica IV del Monzino che, con 145 pazienti, è la top-recruter europea dello studio.

ILUMIEN IV ha arruolato in totale 2.400 pazienti negli Stati Uniti, in Europa ed in Asia nel periodo maggio 2018-gennaio 2021 ed è il più ampio studio clinico randomizzato mai realizzato nell’area dell’imaging intracoronarico. I presupposti si basano sui precedenti tre studi ILUMIEN, tutti promossi da Abbott Vascular, che hanno già dimostrato come le procedure di angioplastica effettuate sotto guida OCT consentano l’ottenimento di dimensioni dello stent sensibilmente più grandi rispetto agli impianti effettuati con la guida della sola angiografia (Optical coherence tomography compared with intravascular ultrasound and with angiography to guide coronary stent implantation (ILUMIEN III: OPTIMIZE PCI): a randomised controlled trial. Lancet. 2016 Nov 26;388(10060):2618-2628).

L’obiettivo di ILUMIEN IV è
quello di dimostrare che all’utilizzo di OCT si associ una sensibile riduzione degli eventi avversi acuti e a due anni dalla procedura, incidendo in modo significativo sulla sicurezza e sull’efficacia dell’impianto degli stent, soprattutto nei pazienti e nei quadri coronarici più complessi.

L ’OCT si basa su un principio di funzionamento simile a quello dell’ecografia intravascolare. A differenza di quest’ultima, però, sfrutta la riflessione di onde luminose da parte delle diverse strutture biologiche invece che la riflessione delle onde acustiche. Software avanzatissimi permettono in tempo reale la ricostruzione longitudinale e tridimensionale di lunghi tratti delle coronarie.

L’OTC risulta dunque la metodica migliore per studiare in vivo le coronarie dal loro interno, con una definizione che è quasi a livello istologico. In particolare, la definizione dell’interfaccia fra parete vasale e sangue e tra parte vasale e stent permette una corretta definizione delle dimensioni reali dell’arteria e pertanto una scelta più precisa delle dimensioni dei dispositivi da impiantare. Presenza di trombi, dissezioni, insufficiente espansione dello stent sono facilmente rilevati e corretti tramite l’esecuzione di una scansione OCT.

Queste informazioni, che la coronarografia fornisce solo parzialmente permettono di eseguire angioplastiche di precisione ottimizzando l’utilizzo degli stent che possono essere impiantati correttamente e solo nei tratti di arteria in cui la patologia di parete li rende necessari.

“Al Monzino la tecnologia OTC è stata introdotta da più di dieci anni incrementando progressivamente il suo utilizzo. Attualmente tutte le sale di emodinamica hanno macchine OCT dedicate – conclude Fabbiocchi – che ci consentono l’utilizzo di questa metodica complessivamente nel 15% delle angioplastiche coronariche, con punte del 60% nella mia Unità”.

Fonte: insalutenews.it

Cristiana Toscano

Leave a Comment
Share
Published by
Cristiana Toscano

Recent Posts

“Domani arriverà” la realtà degli infermieri italiani nella pandemia

"Domani arriverà" è un libro dedicato a tutti gli operatori sanitari e a tutti coloro…

10 ore ago

Cancro polmonare e immunoterapia: lo studio

Conoscere l'assetto mutazionale dei tumori prima di iniziare i trattamenti oncologici è fondamentale. Un recente…

12 ore ago

Ricoverati per Covid: le coseguenze sui polmoni a un anno di distanza

A un anno di distanza, un nuovo studio ha dimostrato, che la maggior parte dei…

12 ore ago

Tirocinante riceve per errore 6 dosi di vaccino anti Covid-19: ricoverata in osservazione

Una studentessa del corso di laurea in psicologia ha erroneamente ricevuto sei dosi di vaccino…

13 ore ago

La coppia rientrata in Italia dall’India ora è grave in ospedale

Babbo Enzo, mamma Simonetta e la piccola figlia Mariam Gemma di 2 anni erano rimasti…

13 ore ago

Dolore da cancro: buona analgesia da combinazione ossicodone/paracetamolo a rilascio immediato

Lo rivela uno studio pubblicato su Cancer Management and Research. La prima analisi, tutta italiana,…

17 ore ago